Home | Chi Siamo | women in us army special forces | company analysis project | applying for work experience in law firm
  http://www.umbriameteo.com/index.php/leadership-and-organizational-conflict/ | Servizi | Bollettino Meteo | Editoriale | News | Partner | Contatti

EDITORIALE 01/08/2018

Agosto inizia con sole e caldo intenso poi progressivamente torneranno i temporali

Le nostre proiezioni per l’estate 2018, formulate ad inizio giugno, sembrano per ora essere rispettate in maniera abbastanza fedele, dopo un inizio stagione abbastanza instabile e con temperature non troppo elevate, i temporali sono andati progressivamente diminuendo a favore di fasi soleggiate sempre più durature ed accompagnate da temperature più elevate. Come previsto la fase più calda ed asciutta dell’estate la stiamo vivendo proprio in questi giorni, tra la fine della terza decade di luglio e la prima decade di agosto, con temperature elevate ma certamente non ai livelli record dello stesso periodo dell’anno scorso. Il tutto quindi sta procedendo come da attese, grazie ad una circolazione atmosferica a livello generale che continua a presentare poche novità rispetto al “reset barico” avvenuto a febbraio e del quale abbiamo discusso ampiamente nei precedenti editoriali. Ora se tutto dovesse continuare seguendo la stessa impostazione, dopo una calda ed asciutta prima settimana di agosto, dovremmo osservare un progressivo ritorno dell’instabilità atmosferica, prima con fenomeni non molto frequenti ed abbastanza localizzati, poi fasi temporalesche sempre più organizzate e lunghe, specie durante la seconda metà di agosto. I robusti anticicloni infatti continuano a prediligere le latitudini più settentrionali, soprattutto le aree che vanno dalla Scandinavia alla Russia europea, quindi le perturbazioni nord atlantiche non possono che preferire traiettorie più meridionali attraverso le aree euro mediterranee. L’attuale fase calda e siccitosa, specie sui settori euro mediterranei centro occidentali, è dovuta essenzialmente al fatto che nel clou dell’estate, con il fronte polare che raggiunge le latitudini più settentrionali, gl’impulsi di aria fresca ed instabile nord atlantica faticano a raggiungere il Mediterraneo mantenendo ancora una buona consistenza.

Andando ad analizzare ancora più in specifico la circolazione atmosferica attualmente presente sullo scenario meteorologico euro atlantico mediterraneo, osserviamo un robusto anticiclone che staziona tra Scandinavia e Russia mentre un ampio sistema depressionario nord atlantico, esteso dalla Groenlandia alla Francia, alimenta un flusso di masse d’aria calda dai paesi magrebini verso i settori euro mediterranei centro occidentali. Quest’aria calda, presente a tutte le quote atmosferiche, favorisce la strutturazione di un promontorio anticiclonico afro mediterraneo tra la Spagna e l’Italia. Sulla nostra penisola quindi la pressione atmosferica è in aumento con diminuzione dell’instabilità atmosferica che tende ad interessare quasi esclusivamente Alpi e Prealpi. Sui rilievi montuosi appenninici, specie settentrionali e meridionali, abbiamo occasionali, locali addensamenti cumuliformi pomeridiani in grado di produrre isolati rovesci, anche temporaleschi, generati essenzialmente da attività cumuliforme termoconvettiva stimolata dall’accumulo di aria caldo umida nelle valli durante le ore più calde della giornata. Nei prossimi giorni continuerà l’afflusso di aria calda verso il bacino centro occidentale del mar Mediterraneo anche se l’Italia, rimanendo sostanzialmente sul fianco discendente del promontorio anticiclonico, risentirà di temporanee cadute pressorie in quota, capaci comunque di determinare un aumento dell’instabilità atmosferica pomeridiana, nelle prossime 48 ore soprattutto al nord e Toscana, venerdì 3 agosto al centro sud. Nel fine settimana poi, mentre sul nord Europa assisteremo ad un temporaneo “scambio di posizione“ delle principali figure bariche con anticiclone tra Islanda ed Inghilterra e bassa pressione tra Scandinavia e Russia, sull’Italia pressione atmosferica in quota in temporaneo aumento con instabilità atmosferica pomeridiana in calo e concentrata sulle zone interne delle regioni meridionali.

Sull’Umbria le condizioni atmosferiche varieranno poco, ancora sole e caldo nelle prossime ore con valori massimi compresi tra i 34°C ed i 40°C, giovedì 2 agosto instabilità atmosferica in lieve aumento sui settori occidentali e meridionali della regione, venerdì 3 agosto debole instabilità atmosferica concentrata sui settori meridionali della regione, mentre durante il prossimo fine settimana sole ed ancora caldo ovunque. Un lieve, temporaneo calo delle temperature massime possiamo attendercelo solo tra giovedì 2 e venerdì 3 agosto nelle aree interessate da isolati rovesci o temporali.

Qualche temporale in più è lecito attenderselo poi tra il pomeriggio di lunedì 6 e venerdì 10 agosto, quando il promontorio anticiclonico afro mediterraneo si sposterà più ad ovest unendosi all’anticiclone atlantico, l’Italia tornerà ad essere più direttamente interessata da correnti nord occidentali che determineranno un calo più consistente della pressione atmosferica in quota ed un più generalizzato aumento dell’instabilità atmosferica. Rovesci e temporali pomeridiani interesseranno soprattutto il centro nord Italia. Anche in questo caso però, l’eventuale calo termico risulterà abbastanza contenuto e maggiormente apprezzabile nelle aree colpite da rovesci e temporali durante le ore centrali e pomeridiane del giorno. Ancora piuttosto fumosa invece l’evoluzione atmosferica attesa per i giorni che ci condurranno al Ferragosto.

[ARCHIVIO EDITORIALI]

 

EDITORIALE
 
01/08/2018
 
NEWS
 
FERRAGOSTO CON ELEVATO RISCHIO DI NUBI, PIOGGE, TEMPORALI E CALO TERMICO
10/08 [ore 9.99 ]
PROIEZIONI A MEDIO LUNGO TERMINE. LENTO, PROGRESSIVO AUMENTO DELL'INSTABILITA' ATMOSFERICA CON CALO TERMICO.
06/08 [ore 9.99 ]
ANCORA OGGI DEBOLE INSTABILITA’ POI DOMENICA 5 CON SOLE E CALDO. I TEMPORALI TORNANO DAL 7 AGOSTO
04/08 [ore 9.99 ]
 
UmbriaMeteo® - p. iva 02824210542 | Copyright 2000-2011