Home | Chi Siamo | WEBCAM Alpi e Dolomiti | WEBCAM Appennino | WEBCAM Umbria
  Webcam Marketing | Servizi | Bollettino Meteo | Editoriale | News | Partner | Contatti

EDITORIALE 01/05/2018

Dopo il caldo e soleggiato fine aprile si torna a condizioni d’instabilita' ma con temperature miti

Il tentativo di modifica dello schema barico sullo scenario meteorologico euro atlantico mediterraneo, registrato durante l’ultima decade del mese di aprile, ci ha regalato un ponte del 25 aprile e parte di quello del primo maggio con sole e temperature da giugno, purtroppo però, com’era ipotizzabile stiamo ora tornando ad una circolazione atmosferica molto simile a quella avuta da metà febbraio fino ad oltre metà aprile, quindi sostanzialmente favorevole a numerose occasioni per piogge. La caratteristica infatti è quella di avere un’area anticiclonica sui settori euro atlantici centro settentrionali con sistemi depressionario od impulsi perturbati nord atlantici costretti a transitare a latitudini mediterranee.

Già in queste ore assistiamo alla formazione di un sistema depressionario a causa del contributo di aria fresca nord atlantica che segue una perturbazione in discesa sulla Francia ed aria più mite ed umida afro mediterranea, comunque instabile, legata ad una blanda area di bassa pressione nord africana in risalita sull’Algeria. Tra mercoledì 2 maggio e venerdì 4 maggio il centro depressionario risalirà dalla Tunisia, al basso mar Tirreno fino al medio mar Tirreno per poi stazionare, molto indebolito, nei pressi della Sardegna. Sull’Italia quindi, nelle prossime ore, avremo molte nubi e precipitazioni frequenti, localmente anche intense, a carattere di rovescio o temporale, soprattutto al nord ovest, Sardegna e coste tirreniche centro settentrionali, precipitazioni sparse, generalmente di debole o moderata intensità sul resto del centro nord, poco nuvoloso o nuvoloso al sud. Giovedì 3 maggio iniziale, temporaneo miglioramento al nord, molte nubi con piogge sparse al centro sud, più frequenti ed intense su Sardegna, regioni tirreniche meridionali e centrali adriatiche, poi nel pomeriggio peggiora su Alpi e Prealpi con formazione di nubi cumuliformi, rovesci e temporali. Venerdì 4 maggio nubi e precipitazioni più frequenti tenderanno a concentrarsi sulle regioni adriatiche, sulla Sardegna e lungo le coste delle regioni centro settentrionali tirreniche. Temperature in calo in queste ore, in deciso aumento domani mercoledì 2 maggio, in lieve calo tra giovedì 3 e venerdì 4 maggio. Venti deboli o moderati nord orientali al nord, moderati o forti orientali al centro, moderati o forti sud orientali al sud, in generale attenuazione da venerdì 4 maggio.

Sull’Umbria nelle prossime ore molte nubi con piogge sparse, più frequenti sui settori occidentali della regione dove, specie durante le ore pomeridiane, potranno assumere carattere di rovescio. Giovedì 3 maggio invece, con venti più intensi orientali, le precipitazioni diverranno frequenti in Appennino, scarse sul resto della regione, specie sui settori centro occidentali. Venerdì 4 maggio molte nubi con piogge sparse al mattino in Appennino mentre nel pomeriggio piogge sparse che si trasferiranno sul resto dell’Umbria, generale miglioramento in serata. Temperature in calo in queste ore, in deciso aumento domani mercoledì 2 maggio, in lieve calo tra giovedì 3 e venerdì 4 maggio. Venti da deboli a moderati orientali con qualche rinforzo soprattutto in Appennino tra mercoledì 2 e giovedì 3 maggio, in attenuazione venerdì 4 maggio.
Durante il prossimo fine settimana poi, l’anticiclone presente sopra l’Europa centro settentrionale con massimi di pressione tra Germania e Scandinavia, si rafforzerà ulteriormente mentre il centro della circolazione depressionaria italiana si posizionerà sopra la Sardegna sud orientale indebolendosi progressivamente. Nonostante ciò sopra l’Italia l’elevata umidità, le temperature di nuovo in salita ma soprattutto la residua circolazione depressionaria presente in quota, alimenteranno ancora una vivace instabilità atmosferica prevalentemente pomeridiana soprattutto su alpi e Prealpi, sulle zone interne montuose della Sardegna e sull’entroterra tirrenico. Situazione senza particolari variazioni anche lunedì 7 maggio, al massimo una lieve attenuazione dell’instabilità atmosferica. Temperature in aumento nonostante l’instabilità atmosferica con valori che potranno riportarsi sopra le medie stagionali, specie nelle aree meno interessate da nubi, venti deboli o moderati prevalentemente nord orientali in ulteriore attenuazione.

Sulla nostra regione instabilità atmosferica pomeridiana da sabato 5 a lunedì 7 maggio, con nubi cumuliformi, rovesci e locali temporali, anche intensi, concentrati prevalentemente sui settori occidentali e meridionali della regione. Temperature in aumento, venti deboli o moderati provenienti in prevalenza dai quadranti nord orientali, in attenuazione.
Tra martedì 8 e giovedì 10 maggio ancora robusto anticiclone sopra l’Europa centro settentrionale che però, lentamente, tenderà ad arretrare ad oriente, sul bacino centrale del mar Mediterraneo invece torneranno ad affluire deboli infiltrazioni di aria umida ed instabile nord atlantica che manterrà ben presente sull’Italia una vivace instabilità atmosferica pomeridiana con rovesci sparsi e locali temporali soprattutto sulle zone interne montuose, alpine ed appenniniche. Temperature senza variazioni di rilievo, ancora sopra le medie del periodo, venti deboli inizialmente nord orientali poi occidentali.

[ARCHIVIO EDITORIALI]

 

EDITORIALE
 
01/05/2018
 
NEWS
 
VENERDI’ 22 NUBI E TEMPORALI, SABATO 23 SOLE E FRESCO, DOMENICA 24 GIUGNO ANCORA NUBI, FRESCO E QUALCHE PIOGGIA
21/06 [ore 9.99 ]
NOSTRI SITI WEB NON RAGGIUNGIBILI PER TRASFERIMENTO SERVER
19/06 [ore 9.99 ]
SEGUI UMBRIAMETEO ANCHE SU FACEBOOK E TWITTER, NOTIZIE E SEGNALAZIONI IN TEMPO REALE
17/06 [ore 9.99 ]
 
UmbriaMeteo® - p. iva 02824210542 | Copyright 2000-2011