Home | Chi Siamo | women in us army special forces | company analysis project | applying for work experience in law firm
  http://www.umbriameteo.com/index.php/leadership-and-organizational-conflict/ | Servizi | Bollettino Meteo | Editoriale | News | Partner | Contatti

EDITORIALE 03/11/2018

Sull’Italia continua lo scontro tra circolazione depressionaria nord atlantica ed anticiclone russo

Fine ottobre caratterizzato da un vero e proprio reset barico che ha riportato le piogge, spasso abbondanti, sull’intero territorio italiano. In pratica, come sottolineato nei precedenti articoli, lo schema barico che ha caratterizzato lo scenario meteorologico euro atlantico mediterraneo, ha visto la presenza di un anticiclone, spesso robusto, posizionato sopra l’Europa centro settentrionale con frequenti espansioni verso il centro nord Italia ed aree depressionarie provenienti dall’oceano atlantico costrette a seguire traiettorie mediterranee spesso meridionali. Ciò ha portato un clima siccitoso sul centro nord Italia, specie al nord ovest e sui settori tirrenici, mentre abbiamo avuto un clima ben più piovoso sulle regioni meridionali e la Sardegna. Nelle ultime due settimane invece la grande circolazione depressionaria semipermanente nord atlantica ha ripreso vigore mentre l’anticiclone sul nord Europa è andato arretrando sull’Europa orientale. Le perturbazioni nord atlantiche in discesa sui settori occidentali del nostro continente sono quindi riuscite a raggiungere più facilmente il bacino centro occidentale del mar Meridionale dove poi hanno trovato, all’altezza delle regioni adriatiche, la resistenza dell’anticiclone, trovandosi così costrette a rallentare se non proprio ad interrompere il loro avanzamento verso oriente. Questo rallentamento ha determinato l’approfondimento sui mari ad ovest dell’Italia di intensi sistemi depressionari secondari che hanno poi investito la nostra penisola con intense correnti meridionali instabili o perturbate con formazione di molte nubi e piogge abbondanti.

Anche sulla nostra regione è piovuto molto e poteva piovere ancor di più se una variabile mal calcolata dai modelli meteorologici non fosse intervenuta ad inibire totalmente la cumulogenesi tirrenica a ridosso delle coste tosco laziali nella giornata di ieri venerdì 2 novembre (come abbiamo spiegato negli aggiornamenti in tempo reale sulle nostre pagine sociale). Comunque sia, l’errore di valutazione dei modelli meteorologici che poi ha portato all’errore anche nella nostra previsione evolutiva di ieri, è tutto sommato da considerare positivamente, per le potenzialità del peggioramento atmosferico in corso potevamo avere fenomeni meteorologici intensi capaci di creare problemi all’assetto idrogeologico della nostra regione.

Detto questo non possiamo ancora considerare conclusa questa fase piovosa iniziata la settimana passata, il sistema depressionario che interessa da giorni l’Italia è ancora nei “paraggi”, pronto a portare ancora piogge su gran parte del territorio, Umbria compresa, nei prossimi giorni. Lo scontro tra sistemi depressionaria atlantici ed anticiclone sull’Europa orientale continuerà a fasi alterne per gran parte della prossima settimana anche se pian piano l’anticiclone guadagnerà chilometri verso ovest proprio all’altezza dell’Italia, ciò significherà una progressiva diminuzione delle precipitazioni a partire dalle regioni orientali italiane.

Attualmente, come ripetuto più volte, l’Italia è ancora interessata da un’intensa area depressionaria che, in queste ore, ha spostato il proprio minimo di pressione a livello del mare, nei pressi della Tunisia. Nelle prossime ore il centro del sistema depressionario risalirà ancora una volta verso nord posizionandosi inizialmente tra Sardegna e Sicilia poi, nella giornata di domani domenica 4 novembre, sopra la Sardegna. Ciò causerà inizialmente un’intensificazione della nuvolosità e delle precipitazioni su Sardegna e Sicilia con temporaneo, parziale miglioramento atmosferico, oggi, sulle regioni peninsulari, poi nella giornata di domenica 4 novembre un’estensione di nubi e precipitazioni di nuovo a gran parte del territorio italiano, sono attesi rovesci e temporali anche intensi soprattutto sulle regioni che si affacciano sul mar Tirreno e sul mar Ionio. Lunedì 5 novembre il sistema depressionario mediterraneo verrà agganciato ad ovest da una nuova saccatura di bassa pressione, proveniente dal Nord Atlantico, in discesa sulla penisola Iberica. Assisteremo quindi prima ad un arretramento verso occidente del sistema depressionario mediterraneo poi ad un suo esaurimento, inglobato nella nuova area di bassa pressione in approfondimento sulla Spagna. Lunedì 5 novembre nubi e precipitazioni si concentreranno sulle regioni centrali tirreniche ed al nord mentre migliorerà al sud, poi martedì 6 novembre nubi e piogge soprattutto sulle regioni nord occidentali, sulla Sardegna, su Alpi e Prealpi centro orientali, sul resto d’Italia nuvolosità irregolare con solo qualche locale, debole pioggia. Martedì 6 novembre cielo nuvoloso ma senza precipitazioni. Temperature in lieve aumento nelle prossime ore, in lento calo da lunedì 5 novembre. Venti deboli o moderati, meridionali od orientali.

Tra mercoledì 7 e giovedì 8 novembre un ultimo, debole impulso perturbato atlantico riuscirà ancora a raggiungere le regioni nord occidentali italiane portando un aumento della nuvolosità e piogge sparse anche sull’Umbria poi, da venerdì 9 novembre sembra che l’anticiclone presente sull’Europa orientale riesca ad espandersi in maniera più decisa anche sull’Italia mantenendo a debita distanza le perturbazioni atlantiche in discesa sulla spagna. Sull’Umbria inizierà un periodo più stabile, soleggiato ma anche con nebbie mattutine, che dovrebbe durare almeno fino a martedì 13 novembre.

[ARCHIVIO EDITORIALI]

 

EDITORIALE
 
03/11/2018
 
NEWS
 
CORRENTI FREDDE SETTENTRIONALI UN PO’ PIU’ DURATURE E POSSIBILITA’ PER FIOCCHI DI NEVE FINO A QUOTE BASSE
11/12 [ore 9.99 ]
TEMPERATURE IN CALO MODERATO, SECONDA META’ DELLA SETTIMANA ANCORA CORRENTI ATLANTICHE, MOLTE NUBI E PIOGGE
10/12 [ore 9.99 ]
FINE SETTIMANA CORRENTI OCCIDENTALI, ALTERNANZA DI SOLE E NUBI, DA LUNEDì CORRENTI SETTENTRIONALI MA POCO FREDDO
07/12 [ore 9.99 ]
 
UmbriaMeteo® - p. iva 02824210542 | Copyright 2000-2011