Home | Chi Siamo | women in us army special forces | company analysis project | applying for work experience in law firm
  http://www.umbriameteo.com/index.php/leadership-and-organizational-conflict/ | Servizi | Bollettino Meteo | Editoriale | News | Partner | Contatti

EDITORIALE 22/10/2018

Dopo mesi di clima asciutto e caldo, tornano le piogge e potranno risultare anche abbondanti

Il cambio di passo della stagione autunnale atteso per ottobre non si è ancora visto, sulle regioni centrali le prime due decade del mese in corso sono trascorse all’insegna del clima mite, con temperature al di sopra della norma e scarse precipitazioni, in pratica qualche buon episodio solo ad inizio mese. Situazione ben differente invece per il sud e le isole maggiori colpite a più riprese da precipitazioni molto abbondanti, spesso alluvionali. Differentemente da quanto si possa pensare la disposizione delle figure bariche principali è risultata molto simile a quella avuta durante la piovosa ultima primavera, ossia alte pressioni sul centro nord Europa e basse pressioni anche intense sui settori mediterranei. Nel caso attuale però sono stati i dettagli a fare la differenza, ossia una disposizione più meridionale dello schema e con asse spesso anche nord ovest – sud est. Ciò ha determinato la persistenza di correnti prevalentemente orientali sul centro Italia, le meno foriere di precipitazioni per la nostra regione, ed anche calde, sia nel caso di venti sud orientali che nord orientali con relativo effetto foehn della catena appenninica. Nelle ultime ore la situazione è cambiata solo in ambito termico, grazie ad un impulso di aria fredda artica che sfruttando le correnti settentrionali del fianco orientale dell’anticiclone atlantico, è riuscito a portarsi attraverso la Polonia e di seguito la Slovenia fin sopra le regioni centro meridionali italiane.

Il sistema depressionario attualmente centrato sopra il mar Tirreno meridionale ed alimentato dal nucleo di aria fredda artica precedentemente menzionato, ancora nelle prossime ore produrrà molte nubi e precipitazioni sulle regioni meridionali e sulle centrali tirreniche, migliorerà invece sul centro tirrenico mentre al nord già abbiamo ampi rasserenamenti. Domani martedì 23 ottobre l’intero sistema depressionario si sposterà prima sul mar Ionio per poi allontanarsi ad oriente, favorendo un miglioramento atmosferico a partire dal centro nord Italia dove il cielo tenderà a tornare sereno o poco nuvoloso quasi ovunque. Tra mercoledì 24 e giovedì 25 ottobre pressione atmosferica in moderato aumento con correnti asciutte settentrionali che, grazie anche ad un intenso effetto foehn alpino, riporteranno clima mite un po’ su tutta l’Italia, in particolare al nord.

Sull’Umbria nelle prossime ore ultimi annuvolamenti con addensamenti ma scarso rischio precipitazioni sui settori appenninici sud orientali, poi progressivo miglioramento con schiarite e successivi rasserenamenti in avanzamento da nord ovest. Domani martedì 23 ottobre cielo in prevalenza sereno o poco nuvoloso con qualche nube in più al mattino in Appennino mentre mercoledì 24 e giovedì 25 ottobre cielo sereno o poco nuvoloso per l’intera giornata. Le temperature quindi, dopo l’attuale calo, torneranno rapidamente a salire mentre i venti si attenueranno ruotando da nord est a nord ovest.

Un vero e proprio cambio della circolazione atmosferica sullo scenario meteorologico euro atlantico mediterraneo è atteso invece da venerdì 26 ottobre quando l’anticiclone atlantico si ritirerà verso occidente, in pieno oceano Nord Atlantico espandendosi verso nord fin sulla Groenlandia, contemporaneamente un ampio sistema depressionario di origine artica si proietterà verso sud fin sul bacino centro occidentale del mar Mediterraneo. Durante il prossimo fine settimana l’aria fredda artica nord atlantica scenderà quindi spedita ed abbondante fin sulla penisola Iberica ed il Marocco, la risposta sarà immediata ed altrettanto intensa con un corposo flusso di correnti caldo umide ed instabili che investirà direttamente l’Italia. Sul letto di queste correnti miti ed umide sud occidentali si formeranno estesi ed imponenti corpi nuvolosi spesso temporaleschi che porteranno precipitazioni frequenti ed abbondanti soprattutto sulle regioni centrali tirreniche ed al nord. L’instabilità atmosferica sarà esaltata da una superficie marina mediterranea ancora con temperature elevate, sopra la norma, e localmente da asperità orografiche che subiranno un impatto perpendicolare da tali correnti. In poche parole alcune aree tirreniche prossime al mare ma anche aree prealpine potranno essere interessate da fenomeni alluvionali, a partire da sabato 27 fino a martedì 30 ottobre.

Sulla nostra regione le nubi arriveranno già a partire da venerdì 26 ottobre, prodotte dai primi richiami di aria mite ed umida sud occidentali, fino alla mattinata di sabato 27 ottobre comunque dovremmo avere per lo più locale qualche piovasco o pioviggine, al massimo locali, brevi rovesci, anche temporaleschi, prefrontali. Le precipitazioni più abbondanti, a fase alterne, sono attese dal pomeriggio/sera di sabato 27 ottobre fino alla mattinata di martedì 30 ottobre. Potenzialmente , per l’intensità e la durata del peggioramento atmosferico, su molte zone dell’Umbria potrebbero cadere quantitativi di pioggia compresi tra i 50 ed i 100 mm, portando il conteggio finale per il mese di ottobre su valori anche sopra media. Comunque sia per i quantitativi attesi è il caso di attendere ancora qualche giorno, ad essere sinceri in ballo potrebbe esserci anche qualche fenomeno intenso con conseguenti rischi idrogeologici ma è meglio riparlarne nei prossimi aggiornamenti sul nostro portale meteo e sulle nostre pagine social

[ARCHIVIO EDITORIALI]

 

EDITORIALE
 
22/10/2018
 
NEWS
 
PROBABILE PRIMA NEVE A CASTELLUCCIO, SCARSE PRECIPITAZIONI SUL RESTO DELL’UMBRIA MA DECISO CALO TERMICO
20/10 [ore 9.99 ]
PROSSIME 36 ORE CON MOLTE NUBI MA SCARSE PIOGGE. DA GIOVEDì 18 OTTOBRE TEMPORANEO MIGLIORAMENTO
16/10 [ore 9.99 ]
SEGUI UMBRIAMETEO ANCHE SU FACEBOOK E TWITTER, NOTIZIE E SEGNALAZIONI IN TEMPO REALE
13/10 [ore 9.99 ]
 
UmbriaMeteo® - p. iva 02824210542 | Copyright 2000-2011