Home | Chi Siamo | WEBCAM Alpi e Dolomiti | WEBCAM Appennino | WEBCAM Umbria
  Webcam Marketing | Servizi | Bollettino Meteo | Editoriale | News | Partner | Contatti

EDITORIALE 21/06/2017

Fine giugno con molto caldo, elevata sensazione di afa. Qualche nube in piu' ma precipitazioni ancora assenti.

Continua la lunga fase siccitosa che interessa gran parte d’Italia ed in particolare le regioni centrali tirreniche, compreso il nostro comprensorio. Il confronto tra le immagini satellitari del centro Italia scattate nello stesso periodo dell’anno scorso è impietoso, lo scorso anno grazie anche alle notevoli piogge prevaleva decisamente il verde della vegetazione rigogliosa, quest’anno altrettanto decisamente il giallo dei campi e delle coltivazioni, soprattutto dei fondovalle, ingialliti precocemente, specie in Toscana ed Umbria occidentale. Inoltre, da oggi, per almeno una settimana, l’Italia sarà interessata da una seria ondata di caldo estivo, nulla di eccezionale, anzi, forse le temperature saranno un pochino più basse di quanto inizialmente preventivato tanto da non raggiungere, almeno in Umbria, i 40°C, però c’è da considerare che questa fase si va ad aggiungere ad una lunga serie di giornate calde e siccitose che stanno mettendo a dura prova le falde acquifere e soprattutto la vegetazione della nostra regione. br>
Attualmente sopra i settori euro mediterranei centrali è presente una vasta area anticiclonica che garantisce anche sull’Italia cielo sereno o poco nuvoloso con temperature elevate a causa del notevole soleggiamento e della scarsa ventilazione con direzione variabile. Un debole instabilità atmosferica pomeridiana è presente solo sulle Alpi, specie sui settori centro orientali, sfiorati da correnti nord occidentali più umide. Nelle prossime 36 ore tali correnti saranno ancora più presenti sulle Alpi e sfioreranno anche il resto d’Italia, l’instabilità atmosferica aumenterà lievemente sulle Alpi mentre lungo l’Appennino aumenterà un poco la nuvolosità pomeridiana con possibili isolati rovesci, anche temporaleschi, più probabili sui settori tosco emiliani, abruzzesi, molisani e campani. Venerdì 23 giugno le correnti nord occidentali si sposteranno più ad oriente mentre da ovest, sopra l’Italia si rafforzerà l’anticiclone, soprattutto in quota, con instabilità atmosferica in generale calo.

In Umbria, da oggi a venerdì 23 giugno, cambierà poco, prevarrà il sole, qualche nube pomeridiana in più domani giovedì 22 giugno lungo l’Appennino ma difficilmente vedremo un addensamento cumuliforme in grado di produrre rovesci. Le temperature, seppur lentamente, continueranno ad aumentare, i venti saranno per lo più deboli occidentali con qualche locale, temporaneo rinforzo.

Qualcosa in più cambierà nel fine settimana anche se i maggiori beneficiari, sia in termini di attenuazione del caldo che come quantitativi di pioggia, saranno ancora le regioni settentrionali o più specificatamente i settori alpini, mentre il centro sud vedrà acuirsi la morsa del caldo e della siccità. Una vasta ed intensa area depressionaria nord atlantica prenderà possesso in maniera stabile delle alte latitudini europei con centri depressionari in transito tra il mar del Nord e la Scandinavia. Tra sabato 24 e domenica 25 giugno addirittura, una perturbazione atlantica riuscirà a transitare su Francia, Germania per poi allontanarsi sulla Polonia, causando un deciso aumento dell’instabilità atmosferica anche sulla Spagna e sul Nord Italia. Sulle regioni alpine avremo frequenti rovesci e temporali sabato 24 pomeriggio con qualche precipitazione verso la serata anche sull’Emilia Romagna, mentre domenica 25 rovesci e temporali interesseranno soprattutto Triveneto ed in maniera decisamente più isolata le regioni centrali adriatiche. Sul resto d’Italia cielo in prevalenza sereno o poco nuvoloso con qualche nube in più a ridosso dei rilievi montuosi ma soprattutto calde ed umide correnti occidentali.

Sulla nostra regione nel fine settimana aumenteranno le nubi ma soprattutto in Appennino dove saranno possibili isolati rovesci, le temperature massime toccheranno valori compresi tra i 34°C ed i 38°C con venti deboli occidentali, la sensazione di caldo sarà acuita dall’aumento anche dell’umidità.

La prima metà della prossima settimana poi lo schema barico sullo scenario meteorologico euro atlantico mediterraneo vedrà una vasta ed intensa area depressionaria centrata sull’Inghilterra, nubi e piogge interesseranno oltre all’Inghilterra anche i Pirenei, la Francia, l’Europa centro settentrionale e le regioni alpine dove saranno presenti correnti umide ed instabili sud occidentali capaci di produrre frequenti rovesci e temporali. Sul resto dell’Italia correnti molto calde ed umide sud occidentali con sensazione di afa elevata. Le correnti sud occidentali umide e calde, impattando perpendicolarmente con l’Appennino, potranno in qualche caso favorire il sollevamento della masse d’aria umida con condensazione in nubi cumuliformi in grado di produrre isolati rovesci anche temporaleschi, ma nulla in grado di garantire una rifrescata che vada oltre una manciata di decine di minuti. Ancora da decifrare invece l’evoluzione atmosferica da giovedì 29 giugno in poi.


[ARCHIVIO EDITORIALI]

 

EDITORIALE
 
21/06/2017
 
NEWS
 
ANCORA CALDO MA CON QUALCHE PIOGGIA NELLE PROSSIME ORE, TEMPORALI E CALO TERMICO DA META’ SETTIMANA
25/06 [ore 9.99 ]
LA PUBBLICITA' CON UMBRIAMETEO E METEOAPPENNINO E' VANTAGGIOSISSIMA
19/06 [ore 9.99 ]
OGGI ANCORA CALDO UMIDO, FINE SETTIMANA TRAMONTANA CON TEMPERATURE IN TEMPORANEO MA APPREZZABILE CALO.
16/06 [ore 9.99 ]
 
UmbriaMeteo® - p. iva 02824210542 | Copyright 2000-2011