Home | Chi Siamo | music course work questions and answers | hospitality service experiences | adidas vs nike
  Webcam Marketing | Servizi | Bollettino Meteo | Editoriale | News | Partner | Contatti

NEWS

Nuova fase con correnti occidentali e temperature nella media, pioggia e neve in Appennino nel fine settimana

(del 14/01/2019)

Dopo 10 giorni con correnti fredde prevalentemente settentrionali e per l’Umbria sostanzialmente asciutte con solo qualche nevicata soprattutto in Appennino, stiamo pian piano entrando in una nuova fase meteorologica caratterizzata da correnti prevalentemente occidentali, più miti ma non calde, e soprattutto più umide, quindi in grado di riportare precipitazioni più generalizzate, nevose in Appennino generalmente a quote medie ed in qualche caso a quote collinari. L’anticiclone atlantico dopo essersi più volte proiettato verso nord in posizione di blocco, nei prossimi giorni prediligerà invece distendersi lungo i paralleli, da ovest verso est, permettendo al flusso di correnti perturbate nord atlantiche di transitare agevolmente su gran parte del continente europeo, settori mediterranei inclusi. Del perchè, dei motivi per i quali la circolazione atmosferica generale ci farà attraverseremo questa nuova fase meteorological ne parleremo in un editorial specifico, inq uesto articolo invece tratteremo dell’evoluzione atmosferica e dei risvolti più prossimi, riguardanti quindi soprattutto la seconda decade di gennaio fino all’inizio della terza decade.
Attualmente l’anticiclone atlantico è ancora posizionato tra l’oceano e l’europa occidentale, tra isole inglesi e penisola iberica, ma è in fase d’indebolimento e calo di latitudine. Questa posizione funge da “scivolo” per le perturbazioni nord atlantiche che dall’Islanda, da nord ovest verso sud est, si gettano sull’Europa orientale interessando marginalmente l’Italia. Nelle ultime ore la coda di una perturbazione nord atlantica diretta sui Balcani è transitata sul centro nord italia portando un aumento delle nubi ma scares precipitazioni tra Umbria, Lazio ed Abruzzo, ora qualche pioggia in più è in corso sul sud Italia mentre ampi arsserenamenti avanzano dale regioni settentrionali a quelle centrali. Nelle prossime ore infatti, l’allontanamento ad oriente della coda della perturbazione nord atlantica, sarà seguito dalla temporanea espansione dell’anticiclone atlantico sul bacino centrale del mar Mediterraneo. Ciò garantirà un generale miglioramento con rasserenamenti che, come abbiamo già scritto, dopo essersi estesi dalle regioni settentrionali a quelle centrali ed infine a quelle meridionali. Le condizioni atmosferiche prevalentemente stabili con cielo per lo più soleggiato da nord a sud, si protrarranno anche nelal giornata di martedì 15 gennaio, mentre nella giornata di mercoledì 16 gennaio si attiveranno correnti sud occidental prefrontali che causeranno un aumentod elel nubi al nord e sulle regioni tirreniche, poi tra giovedì 17 e venerdì 18 gennaio transiterà sull’Italia una prima debole perturbazione con molte nubi su tutta l’Italia e piogge sparse, neve a quote medie, comprese, da norda sud, tra i 1000 ed i 1500 metri di quota. Tra sabato 19 e Domenica 20 gennaio transiterà una nuova perturbazione, d’intensità moderata, qualceh pioggia in più e nevicate che potranno scendere diquota di circa 300 metri rispetto alla perturbazione precedente. Miglioramento nella giornata di lunedì 21 gennaio a partire dal centro nord Italia.
Sull’Umbria prevalenza cielo sereno o poco nuvoloso dal pomeriggio odierno fino alla prima mattinata di mercoledì 16 gennaio, con gelate mattutine e temperature nella media o poco sopra durante le ore di luce, venti deboli o moderati settentrionali. A partire dalla mattinata di mercoledì 16 gennaio poi, nuvolosità in progressivo aumento ma senza precipitazioni, venti deboli meridionali. Giovedì 17 gennaio molte nubi con qualche isolata pioggia al mattino e nel pomeriggio, in serata qualche pioggia in più ma sempre quantitativi generalmente scarsi, neve oltre i 1300 metri di quota, temperature minime in aumento e massime in calo. Venerdì 18 gennaio ancora molte nubi al mattino con residue piogge, neve oltre i 1200 metri di quota, temporaneo miglioramento nel pomeriggio. Ancora molte nubi con precipitazioni intermittenti tra la giornata di sabato 19 e la mattinata di domenica 20 gennaio, nevicate fin sui 1000 metri di quota, localmente anche più in basso. Migliora dal pomeriggio di domenica 20 gennaio mentre lunedì 21 gennaio giornata probabilmente soleggiata sull’Umbria centro occidentale con nub in in Appennino, tramontana e temperature in calo.
La grafica qui a fianco mostra la circolazione atmosferica a livello del mare (linee bianche) e quella in quota (fasce colorate), attualmente prevista sui settori euro atlantico mediterranei per la mattinata di mercoledì 9 gennaio 2019.

La PUBBLICITA' con UMBRIAMETEO e Meteoappennino e' vantaggiosissima

(del 12/01/2019)

Umbriameteo snc � una piccola azienda, privata, che fornisce servizi di pubblica utilit�, informazione meteorologia e climatica, monitoraggio ambientale e sistemi di promozione turistica tramite WEBCAM MARKETING attraverso i nostri nuovissimi sistemi webcam 4K ultraHD, non solo per l'Umbria ma per gran parte d'Italia, dalla Valle d'Aosta al Trentino Alto Adige fino al Molise, con webcam nelle pi� belle localit� d'Italia, sia di citt� che di montagna come Selva in Valgardena o Castelluccio di Norcia. Soprattutto per quanto riguarda l�informazione meteorologica, i costi in termini di risorse umane ed economiche per la gestione della strumentazione e della rete meteo, dei nostri portali meteo e dei social network, sono elevati. Questi costi, ci preme sottolinearlo, non sono neanche in minima parte coperti da finanziamenti pubblici ma sostenuti solo attraverso canoni di gestione pagati dai nostri clienti o grazie a ricavi nella vendita di spazi pubblicitari. Anche i progetti di monitoraggio delle alte vette e dei ghiacciai (sulle Alpi), in stretta collaborazione con il CNR, sono interamente finanziati a nostre spese. Grazie ad un lavoro costante e ad un perfetto mix tra professionalit� e passione, la qualit� dei nostri servizi e della nostra informazione � cresciuta enormemente nell�ultimo decennio e di pari passo � cresciuta la nostra visibilit�, testimoniata dai centinaia di migliaia di accessi quotidiani nei nostri portali meteo (solo Meteoappennino.it oltre 7,5 milioni di pagine viste e 2 milioni di accessi unici annuali tanto che quest'anno � stato necessario un nuovo potenziamento del server), ma anche dai migliaia di followers (oltre 8300 like, in costante crescita, sulla pagina Facebook di Umbriameteo) e dalla nostra presenza sulle principali testate d�informazione a livello regionale e non solo. Per questo motivo mettiamo a disposizione la nostra notevole visibilit� attraverso i nostri progetti ed i nostri spazi pubblicitari, questi ultimi da noi direttamente gestiti su internet, TV e carta stampata. Le campagne pubblicitarie o promozionali possono avere durata di breve, medio o lungo periodo ed i costi da sostenere sono pi� che vantaggiosi, sia per le piccolissime attivit� che per le grandi aziende, questo perch� le modalit� e soprattutto i canali pubblicitari che noi offriamo sono i pi� ampi e variegati, adattabili a qualunque esigenza. A breve partiranno nuovi progetti a livello nazionale e regionale, alcune aziende sono gi� in prima linea per collaborare con noi ed offrire un supporto economico che possa permettere una reciproca crescita. Se sei interessato a partecipare ai nostri progetti e promuovere la tua attivit� affiancandola alla nostra popolarit�, contattaci tramite email all�indirizzo info@umbriameteo.com oppure telefonicamente ai numeri 3479128174 - 3495542877 od anche attraverso la nostra pagina Facebook.

Due impulsi di aria fredda in transito sull’Italia nelle prossime 48 ore, migliora nel fine settimana

(del 09/01/2019)

Il fronte freddo transitato nelle ultime ore sull’Italia centro settentrionale ha portato un aumento delle nubi ma scarse precipitazioni, qualche piovasco, qualche rovescio, specie lungo l’Appennino, con nevicate generalmente sopra gli 800/1000 metri di quota. In qualche caso, dove le temperature nei fondovalle si sono mantenute piuttosto basse, anche sotto gli 0°C durante le ore centrali del giorno, abbiamo assistito al fenomeno del gelicidio, goccioline di pioggia che si congelano immediatamente al contatto con terreno o comunque con le superfici con temperature negative. Non abbiamo avuto nevicate sotto gli 800/100 metri di quota nei fondovalle rimasti con temperature intorno agli 0°C perché ad una quota variabile tra i 400 ed i 1000 metri le temperature sono arrivate anche a +4°C/+5°C, chiaramente a causa del fenomeno dell’inversione termica. Del ghiaccio si è formato anche durante la nottata appena trascorsa a causa di rasserenamenti che hanno favorito il calo termico con un suolo bagnato da pioviggini e piovaschi.
Questa fenomenologia particolare, gelicidio ed inversione termica, è comunque già in archivio, ora l’evoluzione atmosferica ci propone qualcosa di differente, anche se già visto la scorsa settimana. L’anticiclone stazionante sopra l’Europa occidentale si sta ancora una volta espandendo verso nord e ciò favorisce la discesa fin sull’Europa centrale di un vortice depressionario proveniente dall’Islanda, colmo di aria fredda artica. Quest’ultimo pilota verso sud un fronte freddo che proprio in queste ore sta transitando sopra l’Italia centro meridionale portando molte nubi ma poche precipitazioni, nevose fino a quote medio basse. Appena transitato il fronte sopraggiungeranno du nuclei di aria fredda artica, il primo si porter sopra l’Italia centro settentrionale tra il pomeriggio e la serata odierna, mentre il secondo tra il pomeriggio e la serata di domani giovedì 10 gennaio. Per entrambi avremo gli effetti al suolo nelle ore subito seguenti il transito, quindi calo termico, nubi e precipitazioni in intensificazione, anche se saranno soprattutto le regioni adriatiche centrali ed il sud ad avere la fenomenologia più evidente. Sereno o poche nubi al nord, Toscana e settori occidental di Umbria e Lazio. Nel fine settimana poi, l’intensificazione di una vasta area depressionaria tra Islanda, Scandinavia e Polo Nord decreterà la fine dell’espansione verso nord dell’anticiclone atlantico che tenderà a disporsi lungo I paralleli anzichè i merididiani, avanzando verso l’Italia dove assisteremo ad un miglioramento atmosferico ma soprattutto ad un cambio di correnti, da nord orientali a nord occidental con conseguente rialzo termico fin su valori prossimi alle medie del periodo.
Sull’Umbria nelle prossime ore transiterà un po’ di nuvolosità, generalmente poco consistente e non in grado di produrre precipitazioni significative. In serata dopo dei temporanei rasserenamenti, assisteremo ad un aumento della nuvolosità a partire dall’Appennino con qualche locale precipitazione lungo la dorsale, nevosa fin sui 300/500 metri di quota. Domani giovedì 10 gennaio la giornata inizierà ancora con poche nubi sull’Umbria centro occidentali mentre in appennino cielo molto nuvoloso con locali addensamenti ed isolate nevicate fino a quote basse. Dalla tarda mattinata generale aumento delle nubi, nel pomeriggio cielo molto nuvoloso o coperto con precipitazioni in intensificazione lungo l’Appennino, nevose fin sui fondovalle. In serata ancora molte nubi con nevicate frequenti in appennino, qualche breve sfiocchettata , al massimo isolate spolverate, sarà possibile anche più ad ovest, specie sull’Umbria settentrionale, con quota neve variabile tra i 200 ed i 400 metri. Durante la notte successiva precipitazioni di nuovo in calo e che tenderanno a concentrarsi in Appennino. Venerdì 11 gennaio nuvoloso o molto nuvoloso sull’Umbria centro occidentale ma scarso rischio precipitazioni, molte nubi con nevicate intermittenti in Appennino, generale miglioramento in serata. Temperature in calo, la giornata più fredda dovrebbe essere quella di venerdì 11 gennaio, venti deboli o moderati settentrionali o nord orientali. Nel fine settimana alternanza tra nubi e sole con temperature in aumento fin su valori in linea con le medie del periodo.
La grafica qui a fianco mostra la circolazione atmosferica in quota (linee bianche, 5300/5700 m s.l.m.) e temperature (fasce colorate), attualmente prevista sull’Italia per il primissimo pomeriggio di giovedì 11 gennaio 2019.

[ARCHIVIO NEWS]

 

EDITORIALE
 
17/01/2019
 
NEWS
 
NUOVA FASE CON CORRENTI OCCIDENTALI E TEMPERATURE NELLA MEDIA, PIOGGIA E NEVE IN APPENNINO NEL FINE SETTIMANA
14/01 [ore 9.99 ]
LA PUBBLICITA' CON UMBRIAMETEO E METEOAPPENNINO E' VANTAGGIOSISSIMA
12/01 [ore 9.99 ]
DUE IMPULSI DI ARIA FREDDA IN TRANSITO SULL’ITALIA NELLE PROSSIME 48 ORE, MIGLIORA NEL FINE SETTIMANA
09/01 [ore 9.99 ]
 
UmbriaMeteo® - p. iva 02824210542 | Copyright 2000-2011