Home | Chi Siamo | music course work questions and answers | hospitality service experiences | adidas vs nike
  Webcam Marketing | Servizi | Bollettino Meteo | Editoriale | News | Partner | Contatti

NEWS

Domenica 22 settembre condizioni atmosferiche perturbate, lunedì 23 settembre vivace instabilità

(del 21/09/2019)

Stamattina con l’attenuazione dei venti di tramontana iniziata ieri sera ed il cielo sereno, le temperature sono riuscite a calare di molti gradi tant’è che stamattina sono state registrate temperature minime di 5°C a Città di Castelle, Gualdo Tadino e Nocera Umbra ma anche 6°C/7°C nel perugino e Trasimeno, valori diffusamente intorno agli 8°C/9°C nel resto della regione. Oggi comunque il sole ed i venti che da orientali tenderanno a divenire meridionali, deboli, favoriranno una rapida risalita delle temperature con valori massimi che spesso supereranno i 24°C/25°C. I venti meridionali però annunceranno l’arrivo di un’intensa perturbazione sull’Italia, più o meno nei termini descritti nei precedenti articoli, con l’Umbria probabilmente tra le regioni più colpite dopo Liguria e Toscana.
L’anticiclone euro atlantico che sta garantendo condizioni atmosferiche stabili e cielo sereno o poco nuvoloso anche sull’Italia, nelle prossime ore si sposterà sopra l’Europa centro orientale mentre sull’Europa occidentale avanzerà una vasta saccatura depressionaria nord atlantica. Sull’Italia, come sottolineato in precedenza, inizialmente avremo ancora sole e poche nubi ma dal pomeriggio/serata odierno correnti miti sud occidentali in quota determineranno un aumento della nuvolosità ad iniziare dalle regioni più occidentali. Domenica 22 settembre il sistema depressionario nord atlantico, posizionando il proprio centro poco ad ovest della Sardegna, causerà un deciso peggioramento atmosferico sull’Italia fin dal primissimo mattino, ad iniziare dalle regioni settentrionali, dove avremo molte nubi e frequenti piogge, spesso a carattere di rovescio o temporale, più intense sui settori tirrenici e prealpini. Lunedì 23 settembre minimo depressionario in transito sopra l’Italia centro settentrionale con deciso peggioramento atmosferico anche sulle regioni meridionali tirreniche, dalla tarda mattinata ed ancor più dal pomeriggio migliora da ovest al centro nord con le prime schiarite significative. Martedì 24 settembre allontanamento da oriente della perturbazioni con temporaneo, lieve rialzo pressorio sul bacino centrale del mar Mediterraneo, ciò garantirà cielo sereno o poco nuvoloso su tutta l’Italia. Temperature in aumento nelle prossime ore, in calo le massime domenica 22 settembre. Venti deboli o moderati orientali oggi in attenuazione, da domani domenica 22 settembre meridionali in intensificazione.
Sull’Umbria cielo sereno o poco nuvoloso durante la mattinata odierna, nel pomeriggio velature in avanzamento da ovest, poi nubi in ulteriore aumento da ovest in serata con possibili locai piovaschi durante le prossime ore notturne. Temperature minime in calo e massime in aumento. Domani domenica 22 settembre cielo molto nuvoloso o coperto fin dal primo mattino con precipitazioni frequenti, diffuse che a fasi alterne interesseranno tutta la nostra regione, spesso a carattere di rovescio o temporale, in taluni casi potranno essere intense ed abbondanti, anche oltre 70 mm tra pioggia e possibili grandinate. Temperature minime in aumento e massime in calo, venti deboli o moderati meridionali. Per ora c’è ancora molta discordanza tra i modelli a scala locale su quali delle aree della nostra regione, in specifico, verranno più colpite, sicuramente alcune di quelle occidentali con intensi nuclei temporaleschi in risalita dalle coste toscane, ma su questi dettagli torneremo con degli aggiornamenti sulle nostre pagine social. Dalla tarda serata di domani domenica 22 settembre poi le precipitazioni si attenueranno, o meglio diverranno un po’ meno frequenti e diffuse, l’instabilità atmosferica comunque, con rovesci sparsi e locali temporali, persisterà per gran parte della giornata di lunedì 23 settembre, miglioramento più consistente con prime significative schiarite solo dal tardo pomeriggio. Martedì 24 settembre prevalenza di sole, scarso rischio precipitazioni e temperature in aumento.
Possibile nuova debole/moderata perturbazione tra mercoledì 25 e giovedì 26 settembre.
La grafica dell’immagine satellitare qui sotto, riferita alle ore 10.00 odierne, mostra come l’Italia in queste ore sia ancora protetta dall’anticiclone presente sull’Europa centro orientale ma da ovest avanza, maestosa, l’intensa perturbazione nord atlantica con fronte caldo (linea rossa), subito seguito da un’area ad elevata instabilità che sta producendo molti ed intensi temporali sul bacino occidentale del mar Mediterraneo (simbolo giallo del temporale) mentre ancora più dietro il fronte freddo, ora sulla Spagna occidentale, che transiterà sull’Italia lunedì 2 al seguito di un nuovo centro depressionario che domani si formerà poco ad ovest della Sardegna.

Intensa perturbazione nord atlantica tra domenica 22 e lunedì 23 settembre. Temperature nella media.

(del 19/09/2019)

La veloce perturbazione a carattere freddo in transito in queste ore sull’Italia, durante l’ultima nottata si è fatta sentire anche sull’Umbria, in particolare nella zona tra il Trasimeno nord occidentale, l’Altotevere meridionale ed il perugino settentrionale dove alcuni nuclei temporaleschi sono riusciti a scaricare anche oltre 50 mm di pioggia ed in alcune aree anche significative grandinate. Sul resto dell’Umbria, ad eccezione dell’area tra Assisi e Gualdo Tadino e piovuto poco o nulla, la nottata è stata contrassegnata solo da una “pirotecnica” illuminazione prodotta dai numerosi fulmini scaricati a terra dai temporali in corso sul nord della regione. Stamattina, con l’ingresso di aria più fredda anche le ultime locali piogge stanno progressivamente cessando e si prosegue verso un generale miglioramento atmosferico con temperature comunque ben più basse rispetto ai giorni scorsi.
Da stasera la perturbazione si allontanerà definitivamente verso oriente ed al contempo, da nord ovest, l’anticiclone nord atlantico avanzerà sul bacino centrale del mar Mediterraneo riportando cielo sereno o poco nuvoloso su tutta l’Italia. Domani venerdì 20 e sabato 21 settembre sarà ancora l’anticiclone a garantire cielo sereno o poco nuvoloso su tutta l’Italia, lo stesso anticiclone però, dall’Europa centro occidentale tenderà a spostarsi sopra l’Europa centro orientale, incalzato da ovest dall’avanzata di una corposa saccatura depressionaria nord atlantica. Questi movimenti faranno si che sull’Italia le correnti da nord orientali nella giornata di venerdì 20 tenderanno a divenire sud orientali entro sabato 21 settembre, con temperature in aumento, ma soprattutto che il miglioramento atmosferico in corso sia destinato a durare poco.
Già dalla primissime ore di domenica 22 settembre infatti, le nubi e le precipitazioni dell’avanzante saccatura nord atlantica, inizieranno ad interessare le regioni più occidentali italiane. Entro il pomeriggio le regioni nord occidentali e quelle centrali saranno sotto le nubi con piogge più o meno frequenti, spesso a carattere di rovescio o temporali. Contemporaneamente la saccatura nord atlantica, centrata ad ovest della Sardegna, tenderà a trasformarsi in un vero e proprio sistema depressionario a se stante staccandosi dal flusso depressionario nord atlantico. In centro della bassa pressione, in ulteriore approfondimento, nella giornata di lunedì 23 settembre, transiterà dall’alto mar Tirreno verso il medio alto mar Adriatico per poi spostarsi sopra il basso mar Adriatico nella giornata di martedì 24 settembre. Conseguentemente, lunedì 23 settembre, assisteremo ad un’estensione della nuvolosità e delle precipitazioni a gran parte del territorio italiano, su quelle centrali le precipitazioni s’intensificheranno, ne resteranno ancora fuori solo le regioni ioniche che alcune piogge le avranno martedì 24 settembre. Le temperature caleranno soprattutto nei valori massimi ma non in maniera particolare grazie anche alle correnti meridionali. Tra martedì 24 e mercoledì 25 settembre la perturbazione si allontanerà ad oriente favorendo un generale miglioramento atmosferico a partire da ovest, venti temporaneamente settentrionali.
Sull’Umbria le piogge inizieranno probabilmente già dalle prime ore di domenica 22 settembre per proseguire, più frequenti e forse anche più intense, nella giornata di lunedì 23 settembre. Saranno precipitazioni ben più diffuse rispetto all’ultima perturbazione ed ancora assumeranno spesso carattere di rovescio, anche prolungati, o temporale. Fin quando non saremo scesi sotto le 48 ore dall’evento non possiamo ipotizzare in maniera specifica le aree dove si stimano le precipitazioni più abbondanti, possiamo però dire fin da ora, stando alle carte attuali, che ci sono margine per precipitazioni forti ed abbondanti, anche a carattere di nubifragio e grandinate. Ne torneremo quindi a parlare nei nostri prossimi aggiornamenti, a partire dalle nostre pagine social. Martedì 24 settembre generale miglioramento ma ancora presenza di nubi ed un minimo rischio di avere residue piogge. Tra domenica 22 e martedì 24 settembre le temperature massime dovrebbero mantenersi tra i 20°C ed i 25°C, mercoledì 25 settembre con il sole e la cessazione dei venti freschi, anche 25°C/29°C.
La grafica qui a fianco mostra la circolazione atmosferica a livello del mare (linee bianche) ed in quota (fasce colorate), attualmente prevista sui settori euro mediterranei per il primo pomeriggio di domenica 22 settembre 2019.

Ancora 48 ore di sole e caldo poi veloce perturbazione e calo termico, nel prossimo fine settimana ancora sole

(del 16/09/2019)

Dopo un inizio settembre instabile e con temperature in media o poco inferiori, siamo subito tornati a fare i conti con il caldo, non eccessivo ma comunque con temperature sopra media che confermano come, da alcuni anni settembre sia diventato più un mese estivo che autunnale. Ieri, domenica 15 settembre, nei principali centri cittadini umbri sono stati registrati valori massimi compresi tra i 28°C del nord della regione fino ai 32°C al sud, in specifico a Terni. Anche l’umidità è aumentato, lo dimostra la presenza di qualche nebbia mattutina, questo perché le correnti stanno cambiano, finora nord orientali ma da oggi sud occidentali.
Una vasta circolazione anticiclonica staziona tra l’oceano Nord Atlantico orientale, davanti alle coste francesi, fino all’Europa orientale, con massimi di pressione in quota in aperto oceano Nord Atlantico e sui settori euro mediterranei centro occidentali. Il flusso di correnti perturbate nord atlantiche scorrono generalmente a latitudini più settentrionali, tra Islanda, Scandinavia e Russia nord occidentale, solo sulla penisola Iberica è presente una residua circolazione depressionaria che, nei giorni scorsi, ha alimentato condizioni atmosferiche instabili o perturbate, soprattutto sulla Spagna orientale. Sull’Italia quindi, la circolazione anticiclonica garantisce cielo prevalentemente sereno o poco nuvoloso con caldo moderato. Nelle prossime ore la situazione resterà pressoché stazionaria poi, da martedì 17 settembre, l’anticiclone tenderà a ritirarsi verso ovest, tra aperto oceano Nord Atlantico ed Europa occidentale, ciò permetterà ad un corposo fronte freddo proveniente dalla Scandinavia di scivolare lungo il fianco orientale dell’anticiclone fino a raggiungere l’est Europa, seguito da una buona quantità di aria fredda artica nord atlantica. La coda di questa perturbazione e l’aria fredda al seguito, tra mercoledì 18 e giovedì 19 settembre, interesseranno anche l’Italia con nuvolosità in aumento, piogge sparse e locali temporali soprattutto su regioni alpine orientali e regioni centro meridionali. Il transito della perturbazioni determinerà anche un sensibile calo termico, dai valori attuali, decisamente sopra media, a valori temporaneamente, 24/36 ore, sotto media.
Sull’Umbria cielo prevalentemente sereno o poco nuvoloso fino a domani martedì 17 settembre,, al massimo assisteremo al transito di qualche cirro o nube comunque poco consistente, temperature in lieve aumento e venti deboli sud occidentali. Mercoledì 18 settembre nuvolosità fin dal mattino, locali rovesci e qualche isolato temporale nel pomeriggio, in serata e durante le ore notturne successive ancora molte nubi con qualche pioggia. Durante la mattinata di giovedì 19 settembre nubi più consistenti e residue, deboli piogge si concentreranno in Appennino mentre da ovest avanzeranno le prime schiarite che diverranno man mano più ampie nel pomeriggio, mentre in serata avanzeranno da nord ovest degli ampi rasserenamenti. Temperature in calo, specie nei valori massimi, venti inizialmente deboli occidentali poi settentrionali, in intensificazione.
Da venerdì 20 settembre l’anticiclone nord atlantico con massimi di pressione inizialmente sopra l’Inghilterra, tornerà a d espandersi verso sud est, sopra il bacino centrale del mar mediterraneo, garantendo un fine settimana sostanzialmente stabile su gran parte del territorio italiano con temperature in aumento a partire dai valori massimi, domenica 22 settembre potremmo registrare nuovamente valori sopra media. Solo sulle regioni nord occidentali, nella giornata di domenica 22 settembre, potremo assistere ad un aumento della nuvolosità con delle piogge, per una perturbazione atlantica in avvicinamento da ovest, ma ne riparleremo nei prossimi aggiornamenti.
La grafica qui a fianco mostra la circolazione atmosferica a livello del mare (linee bianche) e quella in quota (fasce colorate), attualmente prevista sui settori euro atlantico mediterranei per il primo pomeriggio di sabato 21 settembre.

[ARCHIVIO NEWS]

 

EDITORIALE
 
29/08/2019
 
NEWS
 
DOMENICA 22 SETTEMBRE CONDIZIONI ATMOSFERICHE PERTURBATE, LUNEDì 23 SETTEMBRE VIVACE INSTABILITà
21/09 [ore 9.99 ]
INTENSA PERTURBAZIONE NORD ATLANTICA TRA DOMENICA 22 E LUNEDì 23 SETTEMBRE. TEMPERATURE NELLA MEDIA.
19/09 [ore 9.99 ]
ANCORA 48 ORE DI SOLE E CALDO POI VELOCE PERTURBAZIONE E CALO TERMICO, NEL PROSSIMO FINE SETTIMANA ANCORA SOLE
16/09 [ore 9.99 ]
 
UmbriaMeteo® - p. iva 02824210542 | Copyright 2000-2011