Home | Chi Siamo | music course work questions and answers | hospitality service experiences | adidas vs nike
  Webcam Marketing | Servizi | Bollettino Meteo | Editoriale | News | Partner | Contatti

NEWS

Perturbazione nel fine settimana, utile soprattutto per ripulire l’aria con qualche pioggia ed un po’ di vento

(del 17/01/2020)

Quanto descritto nei nostri ultimi aggiornamenti si sta puntualmente verificando, sia su scala emisferica che in ambito nazionale e regionale. Purtroppo il Vortice Polare è in una fase caratterizzata da elevate velocità di rotazione e ciò determina una struttura dello stesso, piuttosto raccolta, senza significative possibilità di avere consistenti scambi meridiani di masse d’aria. In questa situazione, anche il tentativo atteso nelle prossime 48 ore dell’anticiclone atlantico di proiettarsi verso nord e pilotare masse d’aria fredda verso il bacino centrale del mar Mediterraneo, fallirà, almeno in gran parte, dato che lo stesso asse dell’anticiclone, inizialmente disposto lungo i meridiani, sarà costretto a ruotare rapidamente in senso orario e ad “adagiarsi” lungo i paralleli. Ciò comporterà inizialmente, con l’anticiclone disposto lungo i meridiani, la discesa verso l’Italia di aria fredda nord atlantica che favorirà la formazione, sabato 18 gennaio, di un centro depressionario sopra l’alto mar Tirreno, poi da tra domenica 19 e lunedì 20 gennaio, con l’anticiclone che si disporrà lungo i paralleli, dall’oceano Nord Atlantico all’Europa orientale, sarà tagliato l’afflusso di aria fredda da nord e spinto verso sud e poi verso ovest fin sulle isole Baleari, il centro depressionario. Infine, tra lunedì 20 e martedì 21 gennaio, l’ultimo refolo di aria fredda che invece affluirà verso l’Italia dall’Europa orientale, spingerà ancora più ad ovest, fin sullo stretto di Gibilterra, il centro depressionario. Mercoledì 22 gennaio circolazione anticiclonica piena sulla penisola Italia, con valori di pressione anche oltre 1030 millibar, che garantirà cielo sereno o poco nuvoloso da nord a sud con probabile ritorno delle gelate, specie dove si attenuerà il vento.
Sull’Umbria nuvolosità in aumento dalle prossime ore pomeridiane, inizialmente soprattutto stratificazioni nuvolose poi, dalla tarda serata nubi progressivamente più consistenti ma le prime significative piogge arriveranno solo in tarda nottata, neve oltre i 1200 metri di quota. La fase più intensa della perturbazione per la nostra regione arriverà domani mattina sabato 18 gennaio con piogge sparse, generalmente deboli o moderate ma sarà possibile anche qualche rovescio, quota neve in discesa fin sui 1000 metri di quota. Primo parziale miglioramento nel pomeriggio con schiarite da ovest, nubi e residue precipitazioni in Appennino. Le precipitazioni probabilmente in serata cesseranno anche in Appennino ma torneranno, da nord est, durante le ore notturne successive ed insisteranno in maniera sparsa ed intermittente per gran parte della giornata di domenica 19 gennaio mentre sull’Umbria centro occidentale solo viavai di nubi e tramontana, quota neve in discesa fin sui 600 metri di quota entro la serata. Lunedì 20 gennaio probabilmente giornata simile a quella precedente ma con temperature più basse mentre da martedì 21 gennaio il miglioramento diverrà maggiormente apprezzabile con ampie schiarite e rasserenamenti, mercoledì 22 gennaio sereno o poco nuvoloso con gelate nelle valli e venti deboli o temporaneamente moderati orientali.
In termini di circolazione atmosferica generale questa perturbazione cambierà poco o nulla rispetto al trend intrapreso da Natale in poi, però dovrebbe ripulire l'aria delle nostre città favorendo un notevole calo della concentrazione delle polveri sottili, sia grazie alla pioggia che ad un po' di tramontana.
La grafica qui a fianco mostra la circolazione atmosferica a livello del mare (linee bianche) ed in quota (fasce colorate), attualmente prevista sui settori euro atlantico mediterranei per la giornata di martedì 21 gennaio 2020.

Temporaneo cedimento dell’alta pressione nel fine settimana, perturbazione nord atlantica seguita da aria fredda.

(del 15/01/2020)

Nel prossimo fine settimana un’ondulazione della corrente a getto nord atlantica permetterà ad un fronte freddo pilotato una vasta ed intensa area depressionaria nord atlantica, di transitare sulla Francia e raggiungere il centro nord Italia dove favorirà la formazione di un nuovo centro depressionario. Contemporaneamente, più ad ovest, l’anticiclone atlantico si espanderà prima verso nord poi ruoterà il suo asse in senso orario congiungendosi con un altro anticiclone, più freddo, presente sopra la Russia. Questo movimento determinerà prima un afflusso di aria fredda nord atlantica verso l’Italia, in parte trattenuta dalle Alpi, poi aria un po’ più fredda ma anche sostanzialmente secca proveniente dall’Europa orientale, più in particolare dall’Ucraina. La spinta dell’aria fredda prima sposterà il centro depressionario dal nord Italia verso sud, poi verso ovest, tant’è che da lunedì 20 gennaio troveremo il centro della bassa pressione sull’Algeria e l’anticiclone esteso dall’oceano Atlantico alla Russia occidentale con massimi di pressione sopra l’Inghilterra con correnti fredde orientali sull’intero bacino centrale del mar Mediterraneo. Da martedì 21 gennaio poi, l’anticiclone presente sopra l’Europa centrale inizierà a spingere verso sud avanzando da nord sull’Italia ed esaurendo progressivamente l’afflusso di aria fredda da oriente sulla nostra penisola. Questo abbassamento, e più in generale disposizione lungo i paralleli dell’anticiclone, è dovuto all’intensificazione del Vortice Polare per quel meccanismo di cui abbiamo parlato nell’ultimo nostro editoriale.
Sull’Italia quindi, oggi e domani giovedì 16 gennaio avremo alta pressione con cielo poco nuvoloso sul centro adriatico e soprattutto al sud dove prevarranno ancora correnti nord orientali a tutte le quote mentre al centro nord correnti meridionali produrranno ancora nuvolosità poco consistente, spesso sottili stratificazioni nuvolose ma anche estesi banchi di nubi medio basse sui settori padani, sulla Liguria orientale e sulla Toscana fin sull’Umbria. Temperature in lieve aumento, specie i valori minimi al centro nord, venti deboli con direzione variabile. Venerdì 17 gennaio nuvolosità in aumento, prima al nord ovest dove avremo le prime precipitazioni, nevose fin sugli 800/1000 metri di quota, poi dalla serata anche sulla Toscana ed al centro con nevicate in Appennino fin sui 1200/1400 metri di quota, ancora poche nubi al sud e centro adriatico. Sabato 18 gennaio migliora al nord ovest, molte nubi e precipitazioni sul resto del nord Italia ed al centro, nubi in aumento al sud, quota neve più o meno stazionaria. Domenica 19 gennaio con l’attivazione di correnti orientali e l’afflusso di aria più fredda dall’est Europa, migliora al nord e poi centro tirrenico, peggiora la sud ma soprattutto sul centro adriatico con intensificazione delle precipitazioni soprattutto lungo l’Appennino, quota neve in calo probabilmente fin sui 500/600 metri. Temperature in calo, tramontana in intensificazione. Lunedì 20 gennaio molte precipitazioni al sud ed isole maggiori, in attenuazione invece sul centro adriatico, poche nubi al nord, nuvoloso sul centro tirrenico, generale miglioramento dalla serata. Su martedì 21 gennaio invece c sono ancora delle incertezze, dipenderà da quanto si affievoliranno le correnti fredde nord orientali, potremmo avere ancora instabilità lungo l’Appennino, centro adriatico ed al sud.
Sull’Umbria banchi di nubi basse sui settori occidentali e soprattutto settentrionali della regione sicuramente oggi e probabilmente anche domani, specie al mattino, poi transito di nuvolaglia, per lo più sottili stratificazioni nuvolose che ridurranno anche il calo termico notturno e quindi il rischio gelate. Temperature senza variazioni di rilievo. Venerdì 17 gennaio situazione inizialmente stazionaria poi dalla sera aumenteranno le nubi da ovest con prime piogge durante le ore notturne successive. Sabato 18 gennaio molte nubi per l’intera giornata con piogge intermittenti di debole o moderata intensità, al massimo qualche breve rovescio, nevicate in Appennino oltre i 1300/1500 metri di quota. Dalla serata tendenza a concentrazione delle precipitazioni lungo l’Appennino con quota neve in calo, prima fin sui 1000 metri poi durante le ore notturne successive fin sui 500/600 metri. Domenica 19 e lunedì 20 gennaio molte nubi con precipitazioni frequenti in Appennino, nevose fin sui 500 metri di quota, più ad ovest ancora molte nubi ma anche qualche schiarita, basso rischio precipitazioni, al massimo qualche locale, breve piovasco.
La grafica qui a fianco mostra la circolazione atmosferica a livello del mare (linee bianche) ed in quota (fasce colorate), attualmente prevista sui settori euro atlantico mediterranei per le prime ore della giornata di domenica 19 gennaio 2020.

La PUBBLICITA' con UMBRIAMETEO e Meteoappennino e' vantaggiosissima

(del 13/01/2020)

Umbriameteo snc � una piccola azienda, privata, che fornisce servizi di pubblica utilit�, informazione meteorologia e climatica, monitoraggio ambientale e sistemi di promozione turistica tramite WEBCAM MARKETING attraverso i nostri nuovissimi sistemi webcam 4K ultraHD, non solo per l'Umbria ma per gran parte d'Italia, dalla Valle d'Aosta al Trentino Alto Adige fino al Molise, con webcam nelle pi� belle localit� d'Italia, sia di citt� che di montagna come Selva in Valgardena o Castelluccio di Norcia. Soprattutto per quanto riguarda l�informazione meteorologica, i costi in termini di risorse umane ed economiche per la gestione della strumentazione e della rete meteo, dei nostri portali meteo e dei social network, sono elevati. Questi costi, ci preme sottolinearlo, non sono neanche in minima parte coperti da finanziamenti pubblici ma sostenuti solo attraverso canoni di gestione pagati dai nostri clienti o grazie a ricavi nella vendita di spazi pubblicitari. Anche i progetti di monitoraggio delle alte vette e dei ghiacciai (sulle Alpi), in stretta collaborazione con il CNR, sono interamente finanziati a nostre spese. Grazie ad un lavoro costante e ad un perfetto mix tra professionalit� e passione, la qualit� dei nostri servizi e della nostra informazione � cresciuta enormemente nell�ultimo decennio e di pari passo � cresciuta la nostra visibilit�, testimoniata dai centinaia di migliaia di accessi quotidiani nei nostri portali meteo (solo Meteoappennino.it oltre 7,5 milioni di pagine viste e 2 milioni di accessi unici annuali tanto che quest'anno � stato necessario un nuovo potenziamento del server), ma anche dai migliaia di followers (oltre 8300 like, in costante crescita, sulla pagina Facebook di Umbriameteo) e dalla nostra presenza sulle principali testate d�informazione a livello regionale e non solo. Per questo motivo mettiamo a disposizione la nostra notevole visibilit� attraverso i nostri progetti ed i nostri spazi pubblicitari, questi ultimi da noi direttamente gestiti su internet, TV e carta stampata. Le campagne pubblicitarie o promozionali possono avere durata di breve, medio o lungo periodo ed i costi da sostenere sono pi� che vantaggiosi, sia per le piccolissime attivit� che per le grandi aziende, questo perch� le modalit� e soprattutto i canali pubblicitari che noi offriamo sono i pi� ampi e variegati, adattabili a qualunque esigenza. A breve partiranno nuovi progetti a livello nazionale e regionale, alcune aziende sono gi� in prima linea per collaborare con noi ed offrire un supporto economico che possa permettere una reciproca crescita. Se sei interessato a partecipare ai nostri progetti e promuovere la tua attivit� affiancandola alla nostra popolarit�, contattaci tramite email all�indirizzo info@umbriameteo.com oppure telefonicamente ai numeri 3479128174 - 3495542877 od anche attraverso la nostra pagina Facebook.

[ARCHIVIO NEWS]

 

EDITORIALE
 
13/01/2020
 
NEWS
 
PERTURBAZIONE NEL FINE SETTIMANA, UTILE SOPRATTUTTO PER RIPULIRE L’ARIA CON QUALCHE PIOGGIA ED UN PO’ DI VENTO
17/01 [ore 9.99 ]
TEMPORANEO CEDIMENTO DELL’ALTA PRESSIONE NEL FINE SETTIMANA, PERTURBAZIONE NORD ATLANTICA SEGUITA DA ARIA FREDDA.
15/01 [ore 9.99 ]
LA PUBBLICITA' CON UMBRIAMETEO E METEOAPPENNINO E' VANTAGGIOSISSIMA
13/01 [ore 9.99 ]
 
UmbriaMeteo® - p. iva 02824210542 | Copyright 2000-2011