Home | Chi Siamo | good vs evil romeo and juliet | research top business icons | molson canadian cold shots
  psychology of prisoners | http://www.umbriameteo.com/index.php/rhetorical-analysis-sample-essays/ | Bollettino Meteo | Editoriale | News | Partner | Contatti

NEWS

Instabilita’ per altri 6-7 giorni, temperature basse fino a giovedi’ 29 marzo.

(del 20/03/2007)

L’intenso vortice depressionario formatosi nelle ultime 24 ore sopra l’Italia sembra possa trattenersi nei pressi della nostra penisola almeno fino a primi giorni della prossima settimana. Attualmente sull’Italia centrale, dove staziona il centro del vortice depressionario, la pressione a livello del mare si mantiene sotto i 985 mb (millibar), grazie al contributo fornito in termini di energia dalla tiepida ed umida superficie del mar Mediterraneo centrale ma, soprattutto, grazie al continuo afflusso di aria fredda e particolarmente instabile proveniente dal Circolo Polare Artico. L’afflusso di aria fredda dall’Artico verso l’Italia cesserà solo nella giornata di venerdì 23 marzo quando l’alta pressione atlantica si salderà all’alta pressione russa sull’Europa centro settentrionale, isolando sul mar Mediterraneo centro orientale l’intero sistema depressionario italico. L’aria fredda artica giunta sull’Italia nelle prossime 72 ore tenderà ad esaurirsi sul posto solo molto lentamente, risultando sufficiente a mantenere in vita l’intera struttura depressionaria fino a metà delle prossima settimana. Durante questo spazio temporale tra l’Italia, i Balcani e la Germania meridionale continueranno a generarsi e dissolversi una serie di minimi depressionari che, man mano, risulteranno determinanti nel mantenere attiva una vivace instabilità soprattutto lungo l’Appennino e sulle regioni adriatiche. Sull’Umbria la fase più acuta di maltempo si esaurirà entro le prossime 36 ore, poi l’instabilità tenderà a concentrarsi lungo la dorsale appenninica dove avremo ancore frequenti nevicate. Le temperature riprenderanno a salire molto lentamente ad iniziare dai settori occidentali della regione, tornando in linea con le medie del periodo solo a partire da metà della prossima settimana. I venti si manterranno prevalentemente settentrionali, deboli o moderati. In generale, comunque, la presenza di una debole/moderata instabilità con frequente presenza di nuvolosità ed improvvise raffiche di vento, ridurranno in maniera apprezzabile, rispetto alle precedenti proiezioni, il rischio di rovinose gelate nei prossimi 6-7 giorni. Queste ultime, nell’eventualità di temporanei rasserenamenti notturni, risulteranno a carattere locale con temperature che difficilmente potranno raggiungere valori 3 o 4 gradi inferiori allo zero. La grafica qui a fianco mostra la circolazione atmosferica e le temperature attualmente previste sull’Italia, a circa 1450/1500 metri di quota, per la giornata di lunedì 26 marzo 2007.

[ARCHIVIO NEWS]

 

EDITORIALE
 
31/10/2019
 
NEWS
 
IN ARRIVO LA FASE PIU' PIOVOSA DI QUESTO NOVEMBRE, QUATTRO GIORNI DI PIOGGE, A TRATTI INTENSE CON QUALCHE PAUSA.
14/11 [ore 9.99 ]
SETTIMANA ANCORA ALL’INSEGNA DELLE PERTURBAZIONI MA C’è SPAZIO ANCHE PER QUALCHE SCHIARITA.
11/11 [ore 9.99 ]
ANCORA TANTA PIOGGIA NEI PROSSIMI GIORNI E NEL FINE SETTIMANA ANCHE NEVE IN APPENNINO
07/11 [ore 9.99 ]
 
UmbriaMeteo® - p. iva 02824210542 | Copyright 2000-2011