Home | Chi Siamo | research study of motivational interview | http://www.umbriameteo.com/index.php/computer-mediated-communication/ | http://www.umbriameteo.com/index.php/ppp-leson-plan/
  multiple regression results write up | types of metacognition | Bollettino Meteo | Editoriale | News | Partner | Contatti

NEWS

Ancora piogge fino a domenica 2 dicembre poi neve a quote collinari e gelate

(del 30/11/2012)

Novembre finisce oggi con un altro carico di piogge, nelle ultime 72 ore in Umbria sono caduti da un minimo di 50 ad un massimo di 100 mm di pioggia, fortunatamente abbastanza ben distribuiti e non in grado di procurare ulteriori significativi danni a quelli già prodotti dai fenomeni alluvionali del 11 – 12 novembre. Nelle ultime 24/36 ore poi, alla pioggia si è aggiunta la neve, caduta in Appennino oltre i 1200 metri di quota limitando per quanto può la pressione idraulica sui corsi d’acqua che scendono dalla dorsale umbro marchigiana.
Questa fase piovosa e fredda non si concluderà oggi con la fine del mese di novembre ma, come anticipato nei nostri recedenti aggiornamenti, si protrarrà fino a lunedì 2 dicembre. La novità sarà rappresentata da un maggior ingresso di aria fredda artica nel sistema depressionario che staziona sopra l’Italia, per la nostra regione quest’aria fredda se da un lato determinerà un ulteriore calo delle temperature, dall’altro interverrà a limitare l’intensità delle precipitazioni e più in generale a ridurre i quantitativi di pioggia che ancora cadranno sul suolo umbro nelle prossime 72 ore. I notevoli ed evidenti contrasti termici che negli ultimi giorni e nelle ultime settimane hanno prodotto imponenti ammassi nuvolosi temporaleschi sul mar Tirreno centro settentrionale, saranno d’ora in poi sempre più contenuti per l’ormai avvenuto raffreddamento di gran parte degli strati atmosferici prossimi al suolo nell’area del centro nord Italia.
Più in specifico l’evoluzione atmosferica da noi attesa fino a martedì 4 dicembre vede un centro depressionario che nelle prossime 24 ore, ancora posizionato nei pressi della Corsica, tenderà ad indebolirsi via via che l’aria fredda artica giunta in queste ore sul bacino centro occidentale del mar Mediterraneo si esaurirà. Una cera instabilità atmosferica resterà comunque presente su molte zone d’Italia, specie tra Romagna, regioni centrali e Campania. Domenica 2 dicembre un nuovo e più corposo impulso di aria fredda artica scenderà dalla Scandinavia portandosi sopra il centro nord Italia. Il centro depressionario si rinvigorirà temporaneamente sopra le regioni centrali per poi allontanarsi definitivamente sulla Grecia nella giornata di lunedì 3 dicembre. In questa fase le precipitazioni interesseranno ancora una volta le regioni centrali con nevicate in Appennino fino a quote basse, poi lunedì 3 dicembre anche tutte le regioni meridionali. Dalla serata di lunedì 3 dicembre i rasserenamenti si estenderanno dal nord Italia e la Toscana a tutto il centro Italia con alto rischio di gelate durante le ore notturne successive, poi martedì 4 dicembre nuovo aumento delle nubi per il sopraggiungere dell’ennesima perturbazione nord atlantica.
Sull'Umbria quindi, oggi pomeriggio assisteremo ad un generale miglioramento atmosferico con qualche schiarita e decisa attenuazione delle precipitazioni. Tra la prossima notte e la mattinata di domani sabato 1° dicembre ancora molte nubi, specie sull’Umbria occidentale, ma scarse precipitazioni, possibili temporanee ampie schiarire sull’Umbria orientale e meridionale. Nuovo aumento delle nubi con precipitazioni in intensificazione da ovest tra il pomeriggio e la serata di domani sabato 1° dicembre con nevicate in Appennino fin sui 1100 metri di quota. Durante la notte tra sabato 1 e domenica 2 dicembre nuovo miglioramento atmosferico con residue nevicate in Appennino fin sugli 800 – 1000 metri di quota. La mattinata di domenica 2 dicembre inizierà con molte nubi ma scarse precipitazioni ma dalla tarda mattinata è atteso un generale peggioramento con intensificazione della nuvolosità e delle precipitazioni ad iniziare dai settori occidentali e settentrionali della regione. Tra il tardo pomeriggio, la serata e le ore notturne successive le precipitazioni potranno risultare a carattere nevoso fino a quote collinari se non localmente fino a fondovalle, specie in Altotevere, eugubino gualdese, Valnerina e più in generale lungo l’intera dorsale appenninica umbro marchigiana. La mattinata di lunedì 3 dicembre sarà ancora caratterizzata da molte nubi su tutta la regione con residue precipitazioni lungo l’Appennino, nevose fino a bassa quota, poi, specie nel pomeriggio sono attesi ampi rasserenamenti con venti da nord. Attenzione alle gelate durante le ore notturne successive e le prime ore della mattinata di martedì 4 dicembre.

L’immagine satellitare qui a fianco, riferita alle ore 12:30, mostra ancora la presenza di molte nubi su tutto il centro Italia ma non più intense e ben organizzate come nei giorni scorsi o stamattina.

[ARCHIVIO NEWS]

 

EDITORIALE
 
12/02/2020
 
NEWS
 
IL VORTICE POLARE CONTINUA A “GIRARE A MILLE” CON NESSUNA POSSIBILITA’ DI IRRUZIONI FREDDE SULL’ITALIA
17/02 [ore 9.99 ]
LA PUBBLICITA' CON UMBRIAMETEO E METEOAPPENNINO E' VANTAGGIOSISSIMA
14/02 [ore 9.99 ]
ALTRA SETTIMANA CARATTERIZZATA DA CORRENTI OCCIDENTALI, NUBI E SOLE, SCARSE PIOGGE E TEMPERATURE SOPRA MEDIA
10/02 [ore 9.99 ]
 
UmbriaMeteo® - p. iva 02824210542 | Copyright 2000-2011