Home | Chi Siamo | dicusion for 31 32 and 33 | contemporary china and sun yat - sen | international public relations
  technical proposal writing | Servizi | Bollettino Meteo | Editoriale | News | Partner | Contatti

NEWS

Alluvioni in Italia, in 55 anni oltre 5000 morti, negli ultimi 10 anni 131 morti. Ed in Umbria?

(del 11/10/2015)

Dal 1960 le localitŕ colpite da alluvioni e frane sono state 4419 distribuite sui territori di 2458 Comuni. I morti sono stati 5553, i feriti gravi 3912. Negli ultimi dieci anni, secondo un conto artigianale e stimato per difetto, sono morte a causa di alluvioni, esondazioni, frane 131 persone. Il disastro piů grave degli ultimi 10 anni č del 2009: a Giampilieri e Scaletta Zanclea morirono in 36. Seguono le tragedie di Olbia (2013, 19 vittime) e l’alluvione delle Cinque Terre e della Lunigiana (2011, 13 morti). I danni in media sono di 3 miliardi e mezzo di euro ogni anno. Di 700000 frane registrate in Europa mezzo milione sono solo in Italia, dove secondo l’Ispra il ritmo č di 1000/2000 all’anno (il 10 per cento di queste č ritenuto piů pericoloso). Otto milioni e mezzo di italiani, secondo il consiglio nazionale dei geologi, vivono in territori a rischio alluvioni: piů di uno su 10. In queste zone si trovano oltre 28000 tra monumenti e altri beni culturali e oltre 7000 scuole. Oltre 3 miliardi di euro all'anno di danni provocati. Le Regioni piů colpite nel 2014, secondo il presidente del Cng Gian Vito Graziano, sono state Liguria, Piemonte, Toscana, Veneto, Campania, Lombardia e Sicilia. (tratto da Il fatto Quotidiano) L’Umbria non č tra le regioni piů colpite solo grazie alla maggiore lontananza dal mare quindi meno energia a portata di mano per i sistemi temporaleschi, perň anche nella nostra regione non sono mancati gli eventi alluvionali negli ultimi 10 anni, ricordiamo le piů importanti, quella del novembre 2005 od anche quella sull’orvietano/grossetano nel novembre 2012, ma ce ne sono state molte altre meno estese con esondazione di torrenti, allagamenti e frane. Spesso sentiamo parlare di “tempi di ritorno”, ma con il clima che cambia, il maggior riscaldamento della superficie terrestre e quindi la maggiore energia a disposizione dei sistemi perturbati, č tutto alquanto aleatorio. L’unica soluzione resta il binomio prevenzione/previsione.

[ARCHIVIO NEWS]

 

EDITORIALE
 
12/02/2020
 
NEWS
 
SOLE DI PRIMAVERA FINO A LUNEDI’ 24 FEBBRAIO, PRIMA CON GELATE POI CON NEBBIA. DA MARTEDì 25 QUALCHE NOVITA’
20/02 [ore 9.99 ]
IL VORTICE POLARE CONTINUA A “GIRARE A MILLE” CON NESSUNA POSSIBILITA’ DI IRRUZIONI FREDDE SULL’ITALIA
17/02 [ore 9.99 ]
LA PUBBLICITA' CON UMBRIAMETEO E METEOAPPENNINO E' VANTAGGIOSISSIMA
14/02 [ore 9.99 ]
 
UmbriaMeteo® - p. iva 02824210542 | Copyright 2000-2011