Home | Chi Siamo | integrated pest management | http://www.umbriameteo.com/index.php/george-kelly-construct-theory/ | http://www.umbriameteo.com/index.php/analysis-of-csr-report---business-case/
  Webcam Marketing | Servizi | Bollettino Meteo | Editoriale | News | Partner | Contatti

NEWS

Migliora nelle prossime ore ma da giovedi’ 9 febbraio ancora nubi, piogge e neve in Appennino

(del 07/02/2017)

Il bacino centrale del mar Mediterraneo continua ad essere terreno d’incontro e scontro tra masse d’aria dalle diverse caratteristiche, aria umida ed instabile atlantica, aria fredda e più asciutta continentale ed aria mite umida mediterranea. Un mix perfetto quindi per mantenere ben presenti condizioni atmosferiche instabili o perturbate sull’Italia, dove si approfondiscono o transitano centri depressionari con una certa frequenza. L’ultimo centro depressionario approfonditosi sopra il mar Tirreno centro settentrionale nelle prime ore della giornata di lunedì 6 febbraio, dopo aver portato molte nubi e precipitazioni su gran parte d’Italia, tende ora ad indebolirsi notevolmente ed a spostarsi velocemente sopra il mar Ionio, ciò favorirà un generale miglioramento atmosferico con tendenza a cessazione delle precipitazioni, nubi in calo, ampie schiarite e rasserenamenti, prima al nord, poi sul centro tirrenico ed al sud, infine anche sul centro adriatico. Mercoledì 8 febbraio il centro depressionario sul mar Ionio si allontanerà definitivamente da oriente mentre l’arrivo da ovest di una nuova perturbazione nord atlantica determinerà l’approfondimento di un nuovo centro depressionario nei pressi della Sardegna. Assisteremo quindi ad un lento peggioramento atmosferico sull’Italia a partire dalle regioni nord occidentali dove avremo le prime precipitazioni, nevose fin sui fondovalle. Giovedì 9 febbraio il centro depressionario si sposterà sul medio basso mar Tirreno con molte nubi e precipitazioni al nord ovest, Emilia Romagna e centro sud, nubi ma scarso rischio precipitazioni sul Triveneto. La neve scenderà fin sui fondovalle sulle Alpi occidentali, sulla pianura Padana piemontese e sui settori padani dell’Appennino settentrionale, a quote medio basse sul resto dell’Appennino settentrionale, fin sui 1000 – 1200 metri di quota sull’Appennino centrale, oltre i 1300 metri di quota sull’Appennino meridionale.
Sull’Umbria, nelle prossime ore assisteremo a rasserenamenti che da ovest avanzeranno verso l’Appennino che raggiungeranno in serata. Durante le prossime ore notturne transito di nuvolosità stratificata o poco consistente, domattina mercoledì 8 febbraio la giornata inizierà con cielo irregolarmente nuvoloso poi, nel pomeriggio, assisteremo ad un aumento delle nubi da ovest. In serata e durante le ore notturne successive cielo molto nuvoloso o coperto con locali piovaschi o pioviggini. Temperature in lieve calo, venti deboli orientali. Giovedì 9 febbraio cielo molto nuvoloso o coperto per l’intera giornata con locali piogge sull’Umbria centro occidentale e precipitazioni ben più frequenti lungo l’Appennino, nevose fin sui 1200 – 1400 metri di quota, temperature minime in lieve aumento, massime in lieve calo, venti orientali in intensificazione. Venerdì 10 febbraio il centro depressionario posizionatosi sopra la Sicilia s’indebolirà in maniera evidente ed al contempo assisteremo ad un progressivo miglioramento atmosferico sull’Italia a partire dalle regioni settentrionali e centrali tirreniche. Sabato 11 febbraio ulteriore aumento d ella pressione atmosferica sul bacino centrale del mar Mediterraneo con rasserenamenti soprattutto al nord est e regioni tirreniche mentre le correnti orientali o sud orientali manterranno presente una certa nuvolosità con possibili locali precipitazioni sulle regioni alpine occidentali ed il centro sud adriatico. Temperature stazionarie od in lieve aumento.
Domenica 12 febbraio un’estesa area depressionaria atlantica centrata nei pressi del Portogallo tenderà lentamente a spostarsi verso est iniziando ad interessare marginalmente l’Italia con correnti più umide sud orientali che favoriranno un nuovo lento aumento delle nubi ma scarse precipitazioni, almeno inizialmente. Temperature senza variazioni di rilievo. Venti orientali, deboli sulle regioni peninsulari, moderati sulle isole maggiori.
Sulla nostra regione la giornata di venerdì 10 febbraio inizierà con caratteristiche del tutto simili alla giornata di giovedì 9 febbraio, poi assisteremo ad un progressivo miglioramento atmosferico sull’Umbria centro occidentale dove cesseranno le precipitazioni e si attenuerà la nuvolosità, ancora cielo coperto con precipitazioni frequenti in Appennino, nevose oltre i 1200 metri di quota, migliora dalla serata. Sabato 11 febbraio prevalenza di cielo sereno o poco nuvoloso sull’Umbria centro occidentale, irregolarmente nuvoloso in Appennino, possibili locali gelate al mattino. Temperature minime in calo e massime in aumento con venti deboli orientali. Da domenica 12 febbraio nuvolosità in aumento con possibili locali piovaschi.
L’immagine satellitare qui in alto, riferita alle ore 12.15, mostra la nuvolosità ancora presente soprattutto lungo l’Appennino mentre ampi rasserenamenti sono giù in corso sulla Toscana e stanno avanzando verso l’Umbria.

[ARCHIVIO NEWS]

 

EDITORIALE
 
13/01/2020
 
NEWS
 
PERTURBAZIONE NEL FINE SETTIMANA, UTILE SOPRATTUTTO PER RIPULIRE L’ARIA CON QUALCHE PIOGGIA ED UN PO’ DI VENTO
17/01 [ore 9.99 ]
TEMPORANEO CEDIMENTO DELL’ALTA PRESSIONE NEL FINE SETTIMANA, PERTURBAZIONE NORD ATLANTICA SEGUITA DA ARIA FREDDA.
15/01 [ore 9.99 ]
LA PUBBLICITA' CON UMBRIAMETEO E METEOAPPENNINO E' VANTAGGIOSISSIMA
13/01 [ore 9.99 ]
 
UmbriaMeteo® - p. iva 02824210542 | Copyright 2000-2011