Home | Chi Siamo | http://www.umbriameteo.com/index.php/are-high-divorce-rates-bad/ | lion king and hamlet | http://www.umbriameteo.com/index.php/open-memo-outline/
  Webcam Marketing | Servizi | Bollettino Meteo | Editoriale | News | Partner | Contatti

NEWS

Alternanza tra schiarite ed annuvolamenti, temperature miti, peggioramento da domenica 26 marzo

(del 22/03/2017)

L’anticiclone che durante la seconda metà della scorsa settimana ha garantito condizioni atmosferiche stabili e fasi soleggiate un po’ su tutta l’Italia, sta lentamente indebolendosi per l’avanzamento dall’oceano Nord Atlantico di una vasta circolazione depressionaria. Sul bacino centrale del mar Mediterraneo si sono attivate correnti miti ed umide meridionali legate all’area depressionaria nord atlantica che producono nuvolosità più intensa e qualche precipitazione sulle Alpi, nuvolosità meno consistente sul resto del nord, parte del centro tirrenico e Sardegna, sereno o poco nuvoloso sul resto del centro ed al sud. La quota neve sulle Alpi resta elevata a causa delle correnti miti, spesso oltre i 1800 – 2000 metri.
Nelle prossime ore il flusso di correnti meridionali s’intensificherà temporaneamente e ciò determinerà una maggiore presenza di nubi e precipitazioni al nord e sulla Toscana, neve ancora a quote elevate. Temporanei addensamenti anche su Umbria, Marche e Lazio mentre sul resto del centro sud poco nuvoloso o nuvoloso per il transito di velature o comunque stratificazioni nuvolose poco consistenti. Tra il pomeriggio di giovedì 23 e la mattina di venerdì 24 marzo nubi e precipitazioni si concentreranno tra regioni nord occidentali e Lombardia settentrionale con quota neve in lieve calo sul Piemonte occidentale, nubi in calo sul resto del nord e centro tirrenico. Nel pomeriggio di venerdì 24 marzo migliora anche al nord ovest e rasserenamenti in avanzamento sul centro sud tirrenico. Venti deboli o moderati provenienti dai quadranti meridionali, temperature in lieve aumento. Sabato 25 marzo assisteremo al consolidamento di un’alta pressione sopra l’Inghilterra, in estensione, con una sorta di curvatura, verso l’Europa centrale ed il mar Adriatico, mentre l’area di bassa pressione nord atlantica si isolerà tra Spagna e mar Mediterraneo occidentale interessando parzialmente con correnti meridionali instabili le Alpi occidentali e la Sardegna. Avremo quindi molte nubi sulle Alpi occidentali e sulla Sardegna con locali piogge, sereno o poco nuvoloso sul resto d’Italia con nubi in aumento al nord ovest e centro tirrenico dalla serata, temperature in ulteriore aumento, venti deboli meridionali con rinforzi su Sardegna ed al nord ovest.
Sull’Umbria ancora molte nubi nella mattinata odierna, specie sui settori occidentali e settentrionali della regione, schiarite nelle prossime ore pomeridiane e nubi di nuovo in aumento da stasera con temperature minime in lieve aumento e massime in lieve calo. La giornata di domani giovedì 23 marzo inizierà nuovamente con la presenza di molte nubi ma senza precipitazioni significative, la nuvolosità diminuirà dalla tarda mattinata tanto che dal pomeriggio avremo cielo poco nuvoloso o nuvoloso. Temperature in lieve aumento. Venti deboli o moderati meridionali, in attenuazione. Venerdì 24 marzo giornata con cielo poco nuvoloso per il transito di velature o comunque nuvolosità poco consistente, mentre sabato 25 marzo cielo probabilmente sereno o poco nuvoloso per l’intera giornata, nubi in aumento da ovest dalla tarda serata. Venti deboli meridionali. Temperature in aumento, oltre i 20°C sabato 25 marzo, con punte anche di 24°C. Da domenica 26 marzo poi la situazione si complica, attualmente ci sono due possibili strade per quanto riguarda l’evoluzione atmosferica prevista, una elaborata dai modelli meteorologici europei l’altra da quelli inglesi, che poi non rappresentano altro che i due migliori presenti sullo scenario meteorologico mondiale. La prima possibile evoluzione, americana, punta su un arretramento verso ovest del sistema depressionario iberico con l’alta pressione sull’Europa centrale che si comporta da “sponda” per una temporanea discesa di aria fredda proveniente dall’est del nostro continente che dovrebbe colpire in pieno l’Italia tra lunedì 27 e martedì 28 marzo, portando venti freddi da nord est ed un deciso calo delle temperature ma scarse precipitazioni. La seconda possibilità, inglese, vedrebbe invece un più diretto contatto tra la bassa pressione iberica e successivamente l’aria fredda in discesa dall’est Europa verso il bacino centrale del mar Mediterraneo, anche se però in questo caso il “grosso” dell’aria fredda percorrerebbe una strada più settentrionale con giungendo diretta sull’Italia dove avremmo un po’ più di precipitazioni ma un più contenuto calo termico. Scioglieremo la “prognosi” nei prossimi aggiornamenti

L’immagine satellitare qui in alto, riferita alle ore 9.45, mostrala nuvolosità attualmente presente tra Toscana, Umbria occidentale e Lazio settentrionale, nubi che nelle prossime ore interesseranno ancora gran parte dell’Umbria ma tenderanno comunque ad assottigliarsi.

[ARCHIVIO NEWS]

 

EDITORIALE
 
13/01/2020
 
NEWS
 
PRIMA DEBOLE PERTURBAZIONE NEL FINE SETTIMANA, PROBABILE SECONDA DEBOLE PERTURBAZIONE MARTEDI’ 28 GENNAIO
24/01 [ore 9.99 ]
SOLE FINO A VENERDI’ 24 GENNAIO POI NUOVA DEBOLE PERTURBAZIONE, TEMPERATURE IN TEMPORANEO, MODERATO AUMENTO.
21/01 [ore 9.99 ]
INVERNO PER ORA AVARO DI NEVE E POCHE PRESENZE TURISTICHE A CASTELLUCCIO DI NORCIA ED UN PO’ TUTTA LA VALNERINA
21/01 [ore 9.99 ]
 
UmbriaMeteo® - p. iva 02824210542 | Copyright 2000-2011