Home | Chi Siamo | WEBCAM Alpi e Dolomiti | WEBCAM Appennino | WEBCAM Umbria
  Webcam Marketing | Servizi | Bollettino Meteo | Editoriale | News | Partner | Contatti

NEWS

Entro il fine settimana ancora qualche record di temperatura, poi calo termico, specie dal 10 agosto

(del 03/08/2017)

Come ampiamente previsto, da inizio settimana l’Italia ed in particolare la Sardegna e le regioni centrali, sono interessate da un’intensa ondata di caldo, probabilmente la peggiore, se si considerano le temperature raggiunte che la durata, degli ultimi 50 anni ed oltre. In molte città sono caduti i record storici di caldo, per quanto riguarda l’Umbria è stato battuto sia il record di Perugia S.Egidio che il record di Perugia centro storico, eguagliato il record a Città di castello mentre a Terni e Foligno i record storici resistono per pochi decimi di grado ma è possibile che vengano ritoccati entro le prossime 72 ore. L’unico dato positivo resta l’umidità, che si mantiene su valori abbastanza bassi, quindi un caldo torrido e non afoso, ciò è testimoniato anche dal fatto che a fronte di temperature massime spesso superiori ai 40°C di notte le temperature minime scendono spesso sotto i 20°C. Ad esempio, a Città di Castello martedì 1° agosto è stata registrata una temperatura massima di 39,5°C la mattina dopo una temperatura minima di 17°C, un’escursione termica di ben 22,5°C che solo con bassa umidità è possibile, a Terni ieri 42,3°C si massima e 22,8°C di minima, a Perugia S.Egidio 40°C di massima e 21°C di minima. Situazione diversa in collina, dove l’inversione termica non incide come nei fondovalle, un esempio per tutti Perugia centro storico, ieri 39°C di temperatura massima e 25°C di temperatura minima. Ben peggiore comunque, la situazione al nord, specie in Valpadana, e lungo le coste italiane dove le temperature sono qualche grado più basse ma l’umidità nelle ore più calde può superare il 50% con punte del 60%, mentre in Umbria stiamo generalmente tra il 15% ed il 25%.
In generale comunque, la situazione resterà stazionaria per almeno altre 60 ore, fino a sabato 5 agosto, in pratica abbiamo un anticiclone afro mediterraneo esteso dall’entroterra algerino fino all’Europa orientale passando per il bacino centrale del mar Mediterraneo, a questo si aggiunge una vasta area depressionaria nord atlantica, centrata nei pressi dell’Inghilterra, che favorisce una risalita di masse d’aria molto calda proveniente dall’entro terra algerino. L’area dove questo flusso di aria calda è più intenso, è quella compresa tra Sardegna e regioni centrali, poi naturalmente fattori orografici, microclimatici, possono acuire o ridurre l’intensità del caldo da zona a zona, da valle a valle.< br> A partire poi dal prossimo fine settimana il sistema depressionario nord atlantico avanzerà verso la Francia e contemporaneamente il flusso di aria calda inizierà a scendere verso sud est, interessando più direttamente l’Italia meridionale mentre sulle regioni centro settentrionali le temperature tenderanno a scendere. Il calo continuerà tra lunedì 7 e mercoledì 9 agosto ma per apprezzare in maniera veramente sensibile la diminuzione delle temperature dovremo attendere le giornate di giovedì 10 e venerdì 11 agosto quando l’aria più fresca atlantica entrerà in maniera più decisa da nord sulle regioni italiane, portando anche qualche temporale al nord, sulle regioni adriatiche e più sporadico lungo l’Appennino. Ancora c’è da stabilire la precisa consistenza dell’afflusso di aria fresca ma ci sono margini affinché le temperature massime scendano anche su valori poco inferiori alle medie del periodo, specie al nord e sulle regioni adriatiche ed appenniniche .< br> Sull’Umbria sole e molto caldo fino a domenica 6 agosto, nelle prossime 60 ore potranno essere ancora ritoccati al rialzo dei record di temperatura massima, inoltre l’aria pressoché ferma, con scarsa ventilazione, tenderà a far salire, anche se di poco, l’umidità e le temperature minime notturne. In poche parole ci sarà ancora da soffrire il caldo. Domenica 6 agosto le temperature potranno calare anche di 2°C/3°C, altri 2°C in meno tra lunedì 7 e mercoledì 9 agosto, mentre tra giovedì 10 e venerdì 11 agosto il calo potrà essere di altri 6°C/7°C, in pratica da sabato 5 a venerdì 11 agosto stimiamo un calo di circa 10°C/11°C, quindi le temperature massime venerdì 11 agosto potranno portarsi anche sotto i 30°C. Nessuna novità invece per le precipitazioni, difficilmente avremo piogge significative ad ovest dell’Appennino. Successivamente, nei giorni che precedono il Ferragosto, ancora sole con temperature che tenderanno a salire ma fin su valori nella norma, insomma un caldo piacevole.

La grafica qui sopra mostra la circolazione atmosferica sui settori euro mediterranei centro occidentali, a circa 1500 metri di quota, durante le ore centrali della giornata di venerdì 4 agosto 2017.

[ARCHIVIO NEWS]

 

EDITORIALE
 
17/08/2017
 
NEWS
 
TANTO SOLE E TEMPERATURE IN AUMENTO FINO ALMENO A DOMENICA 27 AGOSTO POI, FORSE, QUALCHE PIOGGIA
22/08 [ore 9.99 ]
FERRAGOSTO CON SOLE E CALDO NELLA NORMA, PROBABILE NUOVA PERTURBAZIONE NEL FINE SETTIMANA
14/08 [ore 9.99 ]
SEGUI UMBRIAMETEO ANCHE SU FACEBOOK E TWITTER, NOTIZIE E SEGNALAZIONI IN TEMPO REALE
10/08 [ore 9.99 ]
 
UmbriaMeteo® - p. iva 02824210542 | Copyright 2000-2011