Home | Chi Siamo | WEBCAM Alpi e Dolomiti | WEBCAM Appennino | WEBCAM Umbria
  Webcam Marketing | Servizi | Bollettino Meteo | Editoriale | News | Partner | Contatti

NEWS

In arrivo 36/48 di piogge e temporali sull’Umbria, precipitazioni abbondanti.

(del 09/09/2017)

Gli aggiornamenti dei modelli meteorologici delle ultime 12 ore cambiano un po' la dinamica del peggioramento atmosferico rispetto a quanto ipotizzato fino alla mattinata di ieri venerdì 8 settembre, ma c'era d'aspettarselo tenendo conto dell'intensità della perturbazione e delle tante variabili in gioco che mutano il percorso del centro depressionario e quindi l'incidenza delle correnti sulla complessa orografia dell’Italia e per quanto ci riguarda dell’Umbria.
Fino a ieri infatti, il centro depressionario a livello del mare, in approfondimento nelle prossime ore sopra la Liguria doveva poi muoversi verso il medio mar Tirreno, Tra Toscana meridionale, Lazio settentrionale e Sardegna, approfondendosi in loco per poi muoversi lentamente fin sopra le regioni centrali italiane nella mattinata di lunedì 11 settembre allontanandosi infine verso nord est dalla mattinata di martedì 12 settembre. Ciò avrebbe significato 48/60 ore con condizioni atmosferiche perturbate soprattutto per l’Italia centrale con piogge molto abbondanti ed anche un buon livello di rischio per quanto riguarda allagamenti o fenomeni di dissesto idrogeologico, specie lungo le coste dove il mare fornisce maggiore energia, sotto forma di calore ed umidità, agli ammassi temporaleschi. Così sembra non sia, infatti, il centro depressionario a livello del mare, dopo averlo ritrovato sopra la Liguria nella serata odierna, nel pomeriggio di domani sarà sopra la Toscana ma contemporaneamente se ne formerà un altro nei pressi della Tunisia a causa dello spostamento dalla Sardegna alla Francia del nucleo di aria fresca in quota che alimenta l’intero sistema depressionario. Quest’ultimo quindi si allungherà verso sud tanto che alla mezzanotte o poco dopo ritroveremo il principale minimo depressionario a livello del mare sopra la Sicilia ed il nucleo di aria fredda tra Sardegna e Sicilia. Questo nuova dinamica determinerà sull’Umbria una rotazione delle correnti, da sud/sud ovest a sud /sud est, quindi si passerà da correnti foriere di precipitazioni a correnti più asciutte con conseguente attenuazione se non addirittura pausa delle precipitazioni.
Durante la mattinata di lunedì 11 settembre poi, sia il centro depressionario a livello del mare che il nucleo di aria fredda in quota risaliranno verso nord portandosi sopra la Campania ed il basso Lazio, in questa fase, probabilmente, il sistema depressionario inizierà la fase in cui raggiungerà la massima intensità. Le correnti sull’Umbria ruoteranno ancora, da sud/sud est diverranno decisamente orientali, assisteremo quindi ad una risalita, prima da sud poi da est, di nuovi estesi corpi nuvolosi temporaleschi forieri di piogge che torneranno ad interessare tutta la regione ad iniziare dai settori meridionali ed orientali. Nel pomeriggio di lunedì 11 settembre il centro depressionario sarà sopra l’Abruzzo con minimo di pressione intorno ai 995 mb con tante nubi e piogge che interesseranno gran parte del centro sud Italia, Triveneto ed Emilia Romagna, in maniera minore e più localizzata il reso del territorio italiano. Temporali forti soprattutto su Calabria, Gargano, Molise, Abruzzo, Marche, Romagna e basso Veneto, piogge insistenti sull’Umbria, più intense a ridosso dell’Appennino.
Dalla serata di lunedì 11 settembre poi, sia il centro depressionario a livello del mare che il nucleo di aria fredda in quota, inizieranno a spostarsi verso nord est portandosi sopra la Croazia. Ciò consentirà un deciso miglioramento al nord ovest, sulla Sardegna e successivamente su Toscana, Lazio e settori ionici, ancora molte nubi con piogge e temporali su Campania, Calabria tirrenica ma soprattutto su regioni adriatiche e zone interne appenniniche centro meridionali. Martedì 12 settembre il cuore principale del sistema depressionario si porterà ancora più ad est, sopra l’Ungheria e la Polonia ma un piccolo nucleo in quota di aria fredda nord atlantica potrebbe transitare sul nord Italia formando un centro depressionario secondario sopra la pianura Padana orientale con temporanea recrudescenza dell’instabilità atmosferica sull’Appennino settentrionale, Emilia Romagna e Triveneto, in esaurimento comunque entro la serata quando su tutta l’Italia avremo schiarite o rasserenamenti, su gran parte dell’Umbria presenti già nel pomeriggio.
Qui di seguito la mappa con le attuali stime medie delle precipitazioni attese sull’Umbria nelle 48 ore tra le 6 di domenica 10 e le 6 di martedì 12 settembre. Parliamo di "stime medie" perché con fenomeni prevalentemente temporaleschi si possono avere accumuli pluviometrici anche considerevolmente differenti a distanza di pochi km. Naturalmente, data la particolarità dell’evento e la possibilità di ulteriori modifiche della traiettoria del sistema depressionario, forniremo ulteriori aggiornamenti per l’intero fine settimana, soprattutto sulle nostre pagine social Facebook e Twitter.

[ARCHIVIO NEWS]

 

EDITORIALE
 
11/09/2017
 
NEWS
 
FINE SETTIMANA CHE INIZIERA' CON IL SOLE E TERMINERA' CON ROVESCI, TEMPORALI E TEMPERATURE IN LIEVE CALO
22/09 [ore 9.40 ]
LA PUBBLICITA' CON UMBRIAMETEO E METEOAPPENNINO E' VANTAGGIOSISSIMA
20/09 [ore 9.99 ]
PROSSIME 36/48 ORE CON PIOGGE DIFFUSE ED ULTERIORE CALO TERMICO, PROBABILE NEVE SUL MONTE VETTORE
18/09 [ore 9.99 ]
 
UmbriaMeteo® - p. iva 02824210542 | Copyright 2000-2011