Home | Chi Siamo | WEBCAM Alpi e Dolomiti | WEBCAM Appennino | WEBCAM Umbria
  Webcam Marketing | Servizi | Bollettino Meteo | Editoriale | News | Partner | Contatti

NEWS

Nel fine settimana tornano le piogge con seguente afflusso freddo e possibili nevicate fino a quote basse

(del 05/12/2017)

Questo fine autunno / inizio inverno sta dimostrandosi molto più dinamico rispetto a quelli vissuti negli ultimi anni, sia le fasi instabili/perturbate che quelle anticiclonica si alternano con una buona cadenza. A cosa è dovuto tutto ciò ne parleremo in un prossimo specifico articolo, ora focalizzeremo l’attenzione su quanto accadrà nei prossimi giorni per una evoluzione atmosferica che si presenta ancora alquanto ingarbugliata, cosa abbastanza normale quando prevalgono le correnti settentrionali con impulsi di aria fredda in discesa dal Circolo Polare Artico fin nel cuore del mar Mediterraneo.
Attualmente sul bacino centrale del mar Mediterraneo, dopo la fase instabile a carattere freddo dell’ultimo fine settimana, è andata consolidandosi una circolazione anticiclonica che ha riportato condizioni atmosferiche stabili e cielo prevalentemente sereno o poco nuvoloso sull’Italia. Le residue correnti fredde settentrionali hanno mantenuto le temperature basse con valori ampiamente sotto gli 0°C, anche in doppia cifra, soprattutto al centro nord. L’alta pressione sopra l’Italia però non durerà molto, domani mercoledì 6 dicembre le correnti settentrionali verranno sostituite da più miti correnti occidentali, poi giovedì 7 dicembre l’alta pressione tenderà proprio a cedere a partire dalla Francia e dalle regioni nord occidentali italiane tant’è che le correnti si orienteranno da sud ovest a partire dal medio alto mar Tirreno con conseguente formazione di nubi medio basse su Alpi e Prealpi occidentale ma soprattutto sui rilievi montuosi appenninici che si affacciano sull’alto mar Tirreno.
Il peggioramento atmosferico vero e proprio però è atteso per la giornata di venerdì 8 dicembre quando un fronte perturbato nord atlantico raggiungerà l’Italia, favorendo la formazione di un nuovo centro depressionario sopra la pianura Padana, e già dal mattino porterà molte nubi e precipitazioni sulle regioni settentrionali, nevose sulle Alpi fin sugli 800/1000 metri di quota, oltre 1300 metri di quota sull’Appennino settentrionale. Nel pomeriggio sarà la volta delle regioni centrali, anche qui molte nubi e piogge frequenti, anche a carattere di rovescio o temporale, nevose in Appennino inizialmente a quote medio alte poi fin sui 1300 metri di quota, migliora su nord ovest e Lombardia. In serata nubi e precipitazioni raggiungeranno il sud Italia mentre migliorerà parzialmente e temporaneamente al centro.
C’è però da tener conto della variabile più importante, ancora non definibile in maniera sufficientemente attendibile, ossia la traiettoria che percorrerà il nucleo di aria molto fredda, di origine artica, che incalzerà il fronte perturbato. Se scenderà lungo l’Adriatico gli effetti, nella giornata di sabato 9 dicembre, saranno limitati per quanto riguarda le precipitazioni ed un po’ più contenuto il raffreddamento, se invece dovesse scendere sopra le regioni settentrionali e centrali oltre a maggior freddo avremo anche qualche precipitazione nevosa fino a bassa quota ad ovest degli Appennini, più consistenti sui versanti adriatici. Se, attualmente ipotesi meno seguita dai modelli meteorologici, dovesse scendere più ad ovest, sopra il mar Tirreno, aumenterebbero sia le precipitazioni sui settori tirrenici, nevose fin sui fondovalle, sia la durata della comunque breve fase fredda.
Sull’Umbria il cielo si manterrà sereno o poco nuvoloso fino al pomeriggio di giovedì 7 dicembre, con gelate mattutine e deboli venti inizialmente nord orientali poi sud occidentali, in intensificazione. Successivamente nubi in aumento con qualche pioviggine o piovasco fino alla mattinata di venerdì 8 dicembre, tra la tarda mattinata ed il pomeriggio intensificazione delle precipitazioni, anche a carattere di rovescio o temporale, migliora da nord in serata. Neve inizialmente a quote medio alte, poi fin sui 1300 metri di quota. Sabato 9 dicembre affluirà aria fredda da nord ma gli effetti sulla nostra regione saranno legati alla traiettoria del nucleo di aria fredda principale di cui abbiamo parlato in precedenza. Attualmente s’ipotizzano nubi, vento freddo e qualche precipitazione lungo l’appennino, nevosa fino ai 300/400 metri di quota.
Domenica 10 dicembre in arrivo una nuova intensa perturbazione nord atlantica che potrebbe dar luogo ad un più intenso e duraturo peggioramento atmosferico con piogge abbondanti e nevicate, almeno inizialmente, a quote medio alte. Attendiamo comunque ulteriori dati per chiarire ulteriormente l’evoluzione atmosferica attesa da sabato 9 dicembre.
La grafica qui sopra mostra la circolazione atmosferica al suolo e in quota attualmente prevista sull’Italia per le ore centrali di sabato 9 dicembre 2017.

[ARCHIVIO NEWS]

 

EDITORIALE
 
25/11/2017
 
NEWS
 
FINE SETTIMANA CON FREDDO E QUALCHE FIOCCO DI NEVE POI FREQUENTI PIOGGE E VENTO FORTE
08/12 [ore 9.99 ]
NEL FINE SETTIMANA TORNANO LE PIOGGE CON SEGUENTE AFFLUSSO FREDDO E POSSIBILI NEVICATE FINO A QUOTE BASSE
05/12 [ore 9.99 ]
FINE SETTIMANA CHE INIZIA CON MOLTE NUBI MA POCHE PRECIPITAZIONI PER L’UMBRIA, TEMPERATURE IN CALO.
01/12 [ore 9.99 ]
 
UmbriaMeteo® - p. iva 02824210542 | Copyright 2000-2011