Home | Chi Siamo | http://www.umbriameteo.com/index.php/servant-leadership-in-sport-organization/ | affordability welfare uk - norway | journalistic writing part
  dracula + gothic elements | Servizi | Bollettino Meteo | Editoriale | News | Partner | Contatti

NEWS

Correnti sud occidentali, nubi e piogge fino a venerdi’ 15 dicembre poi tornano correnti fredde nord orientali

(del 12/12/2017)

La prima decade di dicembre è stata caratterizzata dal transito sull’Italia di impulsi di aria fredda artica nord atlantica che hanno prodotto moderate precipitazioni e mantenuto le temperature su valori relativamente bassi con neve fino quote basse soprattutto lungo l’Appennino. Negli ultimi giorni però la grande circolazione depressionaria nord atlantica è tornata a fare la “voce grossa”, agevolata da un generale rinforzo del Vortice Polare (ne parleremo in maniera più approfondita nel prossimo editoriale), tant’è che un’ampia ed intensa area di bassa pressione, con centri in transito dall’Irlanda verso la Scandinavia passando per Francia e Germania settentrionali, ha iniziato ad interessare con correnti meridionali miti, umide e notevolmente instabili, anche la nostra penisola. Nelle ultime 48 ore le cronache ci riportano di precipitazioni molto abbondanti al nord, sia piovose che nevose a quote basse (dove le correnti meridionali impattano perpendicolarmente sui rilievi montuosi), molte nubi e poche piogge al centro e Sardegna, poche nubi e prevalenza di sole al sud.
Premesso questo, osserviamo come in queste ore il principale centro di bassa pressione dell’area depressionaria nord atlantica che interessa il bacino centrale del mar mediterraneo, si stia spostando dalla Germania alla Scandinavia, ciò determina una rotazione delle correnti che interessano l’Italia, da prevalentemente meridionali a sud occidentali con conseguente afflusso di aria più fresca ad iniziare dalle regioni settentrionali dove l’instabilità è in deciso calo ma anche aria più instabile sulle regioni centrali dove le nubi s’intensificano e le piogge si fanno più frequenti ed intense. Tale evoluzione sarà piuttosto lenta tant’è che proseguirà fino a domani mattina mercoledì 13 dicembre, poi mentre sul nord Italia avremo giù cielo sereno o poco nuvoloso, inizierà a migliorare anche al centro con correnti non più sud occidentali ma occidentale, al tempo stesso peggiorerà al sud dove avremo correnti sud occidentali con molte nubi e piogge soprattutto sui settori tirrenici. Giovedì 14 dicembre poi, un nuovo centro depressionario nord atlantico si porterà tra Inghilterra e Scandinava, sull’Italia le correnti torneranno sud occidentali con nubi e piogge soprattutto al centro sud, abbondanti soprattutto venerdì 15 dicembre sui settori tirrenici (grazie anche alla formazione di un centro depressionario secondario sopra la Valpadana), scarse precipitazioni al nord, per lo più concentrate su Emilia Romagna e Triveneto. La neve cadrà ancora fino a quote medio basse al nord, medio alte in Appennino, con oscillazioni anche notevoli, da 1000 a 2600 metri, della quota neve.
Sull’Umbria quindi, nelle prossime 24 ore, avremo cielo coperto con piogge frequenti ed a tratti intense, più abbondanti sui settori meridionali della regione dove si potranno superare i 40 mm totali Progressivo miglioramento, da nord, a partire da metà della mattinata di domani mercoledì 13 dicembre con ampi rasserenamenti tra il pomeriggio e la serata. La neve inizialmente cadrà oltre i 1500/1700 metri di quota, solo domattina scenderà fin sui 1000 metri di quota, specie nell’area dei monti Sibillini occidentali. Giovedì 14 dicembre nubi di nuovo in deciso aumento con piogge sparse, anche a carattere di rovescio soprattutto nel pomeriggio ed in serata, quota neve in deciso rialzo. Venerdì 15 dicembre molte nubi e piogge frequenti per l’intera giornata, a tratti intense, più abbondanti sull’Umbria centro meridionale, neve a quote ancora elevate.
Sabato 16 dicembre il centro di bassa pressione scenderà verso sud portandosi sopra la Puglia, le correnti al centro nord si orienteranno da nord est e verrà richiamata aria fredda dall’Europa centro orientale verso l’Italia. Nubi e precipitazioni si concentreranno al sud e sul centro adriatico dove, in Appennino, risulteranno nevose fino a quote medio basse, ampi rasserenamenti dal nord e Sardegna in estensione al centro tirrenico. Domenica 17 dicembre centro depressionario in spostamento dalla Grecia all’Ucraina con correnti nord orientali in intensificazione sull’Italia e maggior afflusso di aria fredda.
Sulla nostra regione fine settimana con tramontana fredda e nubi concentrate in Appennino dove cadrà qualche fiocco fino a quote basse, più ad ovest sereno o poche nubi.
Questa fase meteorologica caratterizzata per l’Italia da fredde correnti nord orientali potrebbe durare per più giorni, da sabato 10 fino almeno a metà della prossima settimana ma servono ulteriori dati per confermare questa tendenza.
La grafica qui sopra mostra la circolazione atmosferica a livello del mare ed in quota, attualmente prevista sull’Italia per il prossimo fine settimana, tra sabato 16 e domenica 17 dicembre.

[ARCHIVIO NEWS]

 

EDITORIALE
 
01/08/2018
 
NEWS
 
PROBABILE PRIMA NEVE A CASTELLUCCIO, SCARSE PRECIPITAZIONI SUL RESTO DELL’UMBRIA MA DECISO CALO TERMICO
20/10 [ore 9.99 ]
PROSSIME 36 ORE CON MOLTE NUBI MA SCARSE PIOGGE. DA GIOVEDì 18 OTTOBRE TEMPORANEO MIGLIORAMENTO
16/10 [ore 9.99 ]
SEGUI UMBRIAMETEO ANCHE SU FACEBOOK E TWITTER, NOTIZIE E SEGNALAZIONI IN TEMPO REALE
13/10 [ore 9.99 ]
 
UmbriaMeteo® - p. iva 02824210542 | Copyright 2000-2011