Home | Chi Siamo | catcher in the rye open response | http://www.umbriameteo.com/index.php/transmission-lines-electromagnetics/ | http://www.umbriameteo.com/index.php/research-paper-on-anthropology/
  Webcam Marketing | Servizi | Bollettino Meteo | Editoriale | News | Partner | Contatti

NEWS

Ancora molta pioggia nelle prossime ore, sabato neve in collina, domenica col sole, lunedi’ freddo e neve.

(del 15/12/2017)

In queste ore il centro di bassa pressione della vasta area depressionaria nord atlantica che interessa gran parte del continente europeo ed i settori centro occidentali del mar mediterraneo, stia spostandosi dall’Inghilterra sopra la Scandinavia. Tutto il sistema di bassa pressione sta quindi spostandosi verso est e contemporaneamente le correnti presenti sui settori centro occidentali del nostro continente si orientano da nord favorendo l’afflusso di aria fredda artica nord atlantica fin sulle regioni alpine. Nel frattempo, l’arrivo sulla nostra penisola di un nuovo consistente impulso perturbato nord atlantico, seguito da aria fredda, ha favorito la formazione di un nuovo centro depressionario secondario sopra la pianura Padana. In queste ore quindi, stiamo assistendo ad un generale peggioramento atmosferico con nubi e precipitazioni in intensificazione su gran parte del territorio italiano, risultando anche abbondanti sul centro sud tirrenico, ed in maniera minore su regioni tirreniche settentrionali, Triveneto, Emilia, Sardegna e centro sud adriatico, poche nubi al nord ovest. Sabato 16 dicembre il centro di bassa pressione italico si sposterà verso sud, portandosi prima sopra le regioni centrali ed in serata sopra il Gargano, migliora in maniera decisa sulle regioni alpine e successivamente sulla Sardegna, ancora molte nubi con precipitazioni sparse sull’Appennino settentrionale ed al centro sud con neve in calo fino a quote collinari. Domenica 17 dicembre centro di bassa pressione in spostamento sopra la Grecia, sull’Italia si attiveranno correnti fredde nord orientali con pressione atmosferica in temporaneo aumento e miglioramento atmosferico in estensione dal nord Italia e Sardegna al centro tirrenico e successivamente, dalla sera, al centro adriatico e sud. Temperature in ulteriore calo al sud e centro adriatico, in lieve aumento al nord e centro tirrenico, soprattutto per il maggior soleggiamento.
Sull’Umbria quindi, nelle prossime 36 ore avremo molte piogge, stimiamo tra i 50 ed i 70 mm sul sud della regione, 30/50 sui settori centrali, 20/30 su quelli settentrionali. Le fasi con precipitazioni più intense, anche a carattere di rovescio o temporali, saranno quelle tra la tarda mattinata ed il pomeriggio, parziale temporaneo miglioramento durante la nottata. La neve sta ora cadendo a quote elevate, sopra i 1800 metri, ma già nel pomeriggio si porterà intorno ai 1300/1500 metri di quota, in serata e nottata soprattutto, 800/1000 metri di quota. Domattina staremo ancora intorno agli 800 – 1000 metri di quota mentre nel pomeriggio, con i venti sud occidentali sostituiti da quelli settentrionali, affluirà più aria fredda con neve in calo fino a quote collinari. Saranno quindi possibili fiocchi anche sui 500/700 metri di quota a partire dal nord della regione, specie durante i rovesci più intensi. In serata poi migliora da nord con progressiva cessazione delle precipitazioni, nubi in calo, schiarite e rasserenamenti durante le ore notturne successive. Domenica poco nuvoloso o nuvoloso al mattino, sereno o poco nuvoloso nel pomeriggio con temperature minime in calo e massime in lieve aumento, venti deboli settentrionali.
Lunedì 18 dicembre inizieremo la giornata con una circolazione sostanzialmente anticiclonica sull’Italia, con cielo in prevalenza sereno o poco nuvoloso, specie al centro nord, e gelate estese. Poi però, nel corso del pomeriggio, sopraggiungerà un piccolo ma intenso nucleo di aria molto fredda di origine artica, presente soprattutto in quota, che penetrerà nella circolazione anticiclonica sopra l’Italia come “un coltello nel burro”, producendo nubi e precipitazioni, anche a carattere di rovescio o temporale, a partire da basso Veneto, Romagna ed Appennino settentrionale, in discesa verso il centro Italia. Il peggioramento, anche se ancora non perfettamente inquadrato dalle elaborazioni modellistiche, dovrebbe essere breve ma abbastanza significativo.
Sulla nostra regione il tutto dipenderà dalle tempistiche, dato che avremo estese ed intense gelate al primo mattino, poi dipenderà da quando il cielo si coprirà di nubi e quindi da quanto le temperature si manterranno basse, specie negli strati d’aria tra 200 e 600 metri di quota, ma ci sono comunque margini per nevicate fin sui fondovalle da nord a sud tra il pomeriggio e le ore notturne successive, specie con precipitazioni sotto forma di rovescio o temporale. Ulteriori aggiornamenti nelle prossime ore.
La grafica qui sopra mostra la circolazione atmosferica (linee bianche) e le temperature (linee nere tratteggiate) a circa 5500 metri di quota, inoltre la circolazione atmosferica a livello del mare (linee blu), attualmente prevista sull’Italia per la sera di lunedì 18 dicembre.

[ARCHIVIO NEWS]

 

EDITORIALE
 
27/06/2018
 
NEWS
 
SABATO 21 LUGLIO SI “SALVA”, DOMENICA 22 LUGLIO NO, CONFERMATO L’ARRIVO DI UNA NUOVA PERTURBAZIONE
18/07 [ore 9.99 ]
DUE PERTURBAZIONI NEI PROSSIMI SETTE GIORNI CON TEMPORALI E CALO TERMICO AD INTERROMPERE LE FASI PIU’ CALDE
16/07 [ore 9.99 ]
CONFERMATO IL CALDO NEL FINE SETTIMANA MA ANCHE FRESCO E VIVACE INSTABILITA’ DAL 15 AL 19 LUGLIO
11/07 [ore 9.99 ]
 
UmbriaMeteo® - p. iva 02824210542 | Copyright 2000-2011