Home | Chi Siamo | see paper details | associated british foods | http://www.umbriameteo.com/index.php/igt-final-report/
  http://www.umbriameteo.com/index.php/water-level-infrastructure/ | help with nursing admission essay | Bollettino Meteo | Editoriale | News | Partner | Contatti

NEWS

Natale e probabilmente anche Capodanno con alta pressione, nel mezzo breve fase perturbata

(del 21/12/2017)

Ultimi giorni all’insegna di correnti fredde settentrionali con precipitazioni via via sempre meno presenti, anche se poi ieri mercoledì 20 dicembre, un ultimo debole impulso di aria fredda ha raggiunto il medio alto Adriatico producendo qualche nube cumuliforme in grado di scaricare brevi rovesci, nevosi fino a bassa quota. Sull’Umbria si segnala qualche spolverata soprattutto tra eugubino gualdese fino a Nocera Umbra, qualche fiocco però anche in Altotevere e più ad ovest fino a Perugia dove nel pomeriggio una coreografica sfiocchettata ha interessato corso Vannucci.
Inizio inverno quindi abbastanza dinamico, sia in termini di precipitazioni, specie a fine novembre e la scorsa settimana, che per quanto riguarda le temperature, non solo per un buon numero di mattinata con temperature anche abbondantemente sotto gli 0°C ma anche per valori massimi spesso sotto i 10°C. Quindi tutto abbastanza differente rispetto agli ultimi due anni ma soprattutto rispetto al dicembre 2016. Ora però, la circolazione climatica sullo scenario euro atlantico mediterraneo, entrerà in una nuova fase, dettata essenzialmente da un rafforzamento del Vortice Polare con conseguente sensibile diminuzione delle ondulazioni della corrente a getto nord atlantica e quindi delle perturbazioni a carattere freddo in grado di spingersi fin sui settori euro mediterranei centro occidentali. Sull’Italia, in poche parole, avremo meno perturbazioni e meno fasi caratterizzate da correnti fredde, ciò, probabilmente, si protrarrà fino ad inizio 2018. Da oggi fino all’Epifania, quindi nei prossimi 15 giorni, sulla nostra penisola potrebbero transitare due sole, veloci perturbazione, tra il 27 ed il 29 dicembre, per il resto prevarrà una circolazione anticiclonica. Naturalmente continueremo ad aggiornarvi quotidianamente nel caso tale dinamica dovesse sbloccarsi anticipatamente ma, ad oggi, è poco probabile.
Tornando al più breve periodo, osserviamo come tra la giornata odierna e quella di domani venerdì 22 dicembre, l’anticiclone atlantico si espanderà dall’Europa occidentale fin sul bacino centrale del mar mediterraneo riportando cielo prevalentemente sereno o poco nuvoloso da nord a sud. Sabato 23 dicembre alta pressione sopra il bacino centrale del mar Mediterraneo in temporaneo, parziale indebolimento, a causa del transito di un impulso di aria fredda artica diretto sui Balcani. Quest’impulso comunque, interesserà ancor più marginalmente di quanto ipotizzato fino a 24/36 ore fa, quindi solo qualche refolo di aria fredda lungo le regioni adriatiche con lieve aumento delle nubi e senza precipitazioni, domenica 24 dicembre l’anticiclone si ristabilirà sopra l’intero bacino centro occidentale del mar Mediterraneo con cielo sereno o poco nuvoloso su tutta l’Italia. Tra lunedì 25 e martedì 26 dicembre lento indebolimento da ovest dell’anticiclone per l’avvicinamento all’Italia di una perturbazione nord atlantico, l’attivazione di correnti sud occidentali prefrontali, più miti ed umide, produrrà nuvolosità con qualche debole precipitazione su Alpi ma soprattutto sulle regioni centro settentrionali tirreniche. Tra mercoledì 27 e venerdì 29 dicembre poi, transiteranno sull’Italia due veloci impulsi perturbati nord atlantici con piogge sparse ed intermittenti, quota neve variabile da nord a sud tra i 1000 ed i 1800 metri di quota. Sabato 30 dicembre rapido ristabilimento di un promontorio anticiclonico sull’intero bacino centrale del mar Mediterraneo con temperature in aumento. Da domenica 31 dicembre fino a mercoledì 3 gennaio 2018 probabilmente ancora alta pressione con nebbie o gelate mattutine.
Sull’Umbria quindi, cielo in prevalenza sereno o poco nuvoloso da oggi giovedì 21 fino a lunedì 25 dicembre con saliscendi termico, le giornate più fresche quella odierna e sabato 23, le più miti domenica 24 e lunedì 25 dicembre, il giorno di Natale, al mattino nelle valli principali saranno più probabili delle nebbie che delle gelate. Martedì 26 dicembre oltre alle nebbie arriverà della nuvolosità medio bassa, mentre tra mercoledì 27 e venerdì 29 dicembre transiterà nuvolosità più consistente con delle piogge intermittenti, anche a carattere di rovescio, neve a quote medie, tra i 1200 ed i 1600 metri. Ancora alta pressione e cielo sereno o poco nuvoloso da sabato 30 dicembre 2017 a martedì 2 gennaio 2018, nei primi due giorni prevarranno le gelate poi probabilmente le nebbie.
La grafica qui sopra mostra la circolazione atmosferica a livello del mare (linee bianche) ed in quota (fasce colorate) attualmente prevista sull’Italia per le prime ore della giornata di Natale lunedì 25 dicembre.

[ARCHIVIO NEWS]

 

EDITORIALE
 
27/06/2018
 
NEWS
 
SABATO 21 LUGLIO SI “SALVA”, DOMENICA 22 LUGLIO NO, CONFERMATO L’ARRIVO DI UNA NUOVA PERTURBAZIONE
18/07 [ore 9.99 ]
DUE PERTURBAZIONI NEI PROSSIMI SETTE GIORNI CON TEMPORALI E CALO TERMICO AD INTERROMPERE LE FASI PIU’ CALDE
16/07 [ore 9.99 ]
CONFERMATO IL CALDO NEL FINE SETTIMANA MA ANCHE FRESCO E VIVACE INSTABILITA’ DAL 15 AL 19 LUGLIO
11/07 [ore 9.99 ]
 
UmbriaMeteo® - p. iva 02824210542 | Copyright 2000-2011