Home | Chi Siamo | WEBCAM Alpi e Dolomiti | WEBCAM Appennino | WEBCAM Umbria
  Webcam Marketing | Servizi | Bollettino Meteo | Editoriale | News | Partner | Contatti

NEWS

Numerose perturbazioni in transito sull’Italia nei prossimi 10 giorni con temperature nella media

(del 09/01/2018)

Le correnti di scirocco che hanno interessato l’Italia negli ultimi giorni hanno permesso alle temperature massime, complice anche qualche ora di sole, di risalire fin sopra i 15°C anche su molte aree della nostra regione. Ora però, le correnti sud orientali verranno sostituite prima da correnti più umide e piovose sud occidentali poi da correnti più fresche settentrionali con conseguente sensibile calo termico. Infatti, le correnti di scirocco sono state prodotte da un vasto sistema depressionario di origine atlantica che lentamente dalla Spagna si sta muovendo verso l’Italia, nei prossimi giorni invece la costante sarà il transito di impulsi perturbati nord atlantici che da Islanda ed Inghilterra, attraverso la Francia, raggiungeranno la nostra penisola, incalzati da aria fredda artica nord atlantica.
In queste ore il sistema depressionario proveniente dalla Spagna sta raggiungendo, seppur indebolito, l’Italia, portando molte nubi e precipitazioni, oltre che sulle regioni alpine, anche al centro. Entro la serata poi, il centro dell’area di bassa pressione si posizionerà sopra il sud Italia portando nubi e piogge anche al sulle regioni meridionali. La neve per ora cadrà fin sui 1200/1400 metri di quota solo sulle Alpi occidentali, mentre sulle Alpi orientali ed in Appennino si manterrà a quote variabili tra i 1400 ed i 1800 metri. Domani mercoledì 10 gennaio il centro depressionario si porterà sopra il mar Ionio favorendo un generale, temporaneo miglioramento atmosferico prima al centro nord poi, dal pomeriggio, anche al sud. In serata comunque, sopraggiungerà una nuova perturbazione nord atlantica con peggioramento atmosferico ad iniziare dalle regioni nord occidentali e Toscana dove assisteremo ad un aumento delle nubi con prime precipitazioni. Giovedì 11 gennaio ritroveremo il nuovo centro depressionario sul medio mar Tirreno con nubi e precipitazioni su gran parte del territorio italiano, solo su Alpi, Prealpi e parte dei settori padani non avremo precipitazioni significative. Il maggiore afflusso di aria fresca riporterà la quota neve in Appennino fin sui 800/1000 metri sui settori settentrionali, 1000/1300 metri di quota sui settori centrali e 1300/1500 metri su quelli meridionali. Venerdì 12 gennaio il centro depressionario si posizionerà tra sud Italia e mar Ionio con correnti che tenderanno a provenire da oriente su gran part d’Italia, nubi e precipitazioni si concentreranno progressivamente sulle regioni centrali adriatiche ed al sud attenuandosi, quota neve pressoché stazionaria. Sabato 13 gennaio sistema depressionario in allontanamento sulla Grecia e pressione atmosferica in moderato, temporaneo aumento sull’Italia tanto che avremo una giornata prevalentemente soleggiata su gran parte del territorio italiano, qualche nube in più sulle regioni adriatiche e tra il pomeriggio e la serata nubi in aumento sulle regioni nord occidentali. Temperature minime in calo e massime in aumento, venti deboli o moderati orientali.
Sulla nostra regione molte nubi e piogge sparse dalla tarda mattinata odierna alla prima serata, anche a carattere di rovescio o temporale, quota neve inizialmente elevata ma in calo fin sui 1500 metri nel tardo pomeriggio. In serata migliora da ovest con cessazione delle precipitazioni e nubi in lieve calo. Tra la prossima nottata e la prima mattinata di domani mercoledì 10 gennaio, cielo nuvoloso o molto nuvoloso, poi nel corso della mattinata di domani nubi in calo con ampie schiarite. Il pomeriggio di domani mercoledì 10 gennaio sarà sostanzialmente soleggiato con cielo poco nuvoloso o localmente nuvoloso, temperature minime in calo e massime pressoché stazionarie. Venti deboli o localmente moderati, oggi meridionali domani settentrionali. La giornata di giovedì 11 gennaio invece sarà caratterizzata da molte nubi e precipitazioni frequenti da mattina a sera, specie lungo l’Appennino, con quota neve oscillante tra i 1000 ed i 1400 metri. Venerdì 12 gennaio ancora molte nubi e precipitazioni soprattutto in Appennino, nevose fin sui 1000/1200 metri di quota, più ad ovest solo qualche locale pioggia, generale miglioramento in serata. Sabato 13 gennaio giornata sostanzialmente soleggiata con qualche nube in più nel pomeriggio. Temperature in lieve calo, venti deboli o localmente moderati, meridionali giovedì 11 poi orientali.
Altre due perturbazioni transiteranno sull’Italia tra domenica 14 e martedì 16 gennaio con precipitazioni frequenti, localmente abbondanti, nevose in Appennino a quote comprese tra i 1000 ed i 1400 metri.
La grafica qui sopra mostra la circolazione atmosferica a livello del mare (linee bianche) ed in quota (fasce colorate) attualmente prevista sull’Italia per le ore pomeridiane di giovedì 11 gennaio.

[ARCHIVIO NEWS]

 

EDITORIALE
 
12/03/2018
 
NEWS
 
ULTIME NUBI POI SOLE E TEMPERATURE IN AUMENTO FINO AL 26 APRILE, ATTESI VALORI ANCHE SUPERIORI AI 25°C
18/04 [ore 9.99 ]
PRIMA PARTE DELLA PROSSIMA SETTIMANA CON ROVESCI E TEMPORALI SOPRATTUTTO POMERIDIANI POI SOLE E CLIMA MITE
14/04 [ore 9.99 ]
PROSSIMI GIORNI CON MOLTE NUBI MA POCA PIOGGIA, PERTURBAZIONE PIU' INTENSA NEL FINE SETTIMANA
10/04 [ore 9.99 ]
 
UmbriaMeteo® - p. iva 02824210542 | Copyright 2000-2011