Home | Chi Siamo | http://www.umbriameteo.com/index.php/weekly-reflection---various-types-of-power/ | http://www.umbriameteo.com/index.php/jewish-holy-days/ | 500 word essay about helping someone
  shamanism and north american indian art | http://www.umbriameteo.com/index.php/adhd-medications-stimulant-vs-non-stimulant/ | Bollettino Meteo | Editoriale | News | Partner | Contatti

NEWS

Piogge, rovesci e temporali fino a giovedi’ 17 maggio, poi temporaneo miglioramento con rialzo termico

(del 15/05/2018)

Il bacino centrale del mar Mediterraneo e quindi anche l’Italia, continua ad essere nel mirino di impulsi di aria fredda provenienti in gran parte dall’oceano Nord Atlantico ma, come se non fossero sufficienti, di tanto in tanto anche da impulsi di aria fresca provenienti dall’Europa orientale come accaduto nella seconda parte della scorsa settimana. Purtroppo lo schema barico, o meglio la disposizione di alte e basse pressioni sullo scenario e meteorologico euro atlantico mediterraneo resta lo stesso da mesi, per l’esattezza, come abbiamo più volte ripetuto, da metà febbraio e, ad oggi, sono maggiori le probabilità che tale schema resti immutato anche nelle prossime settimane rispetto ad una modifica sostanziale. Naturalmente più si avvicina all’estate più gli effetti di tale circolazione atmosferica tenderanno un po’ ad essere mitigati ma è poco aderente alla realtà attendersi una stagione insolitamente asciutta e calda come nel 2017.
Attualmente quindi, osserviamo una circolazione anticiclonica che si estende dall’oceano Atlantico, attraverso l’Inghilterra fin sull’intera Scandinavia e la Russia occidentale, soprattutto su queste ultime due aree oltre al sole abbiamo temperature ben superiori alle medie del periodo. Più a sud invece, è presente una vasta circolazione depressionaria che interessa l’intera Europa Centrale e soprattutto i settori euro mediterranei centro occidentali. L’Italia si trova, da circa 36 ore, al centro di questa circolazione depressionaria, a causa dell’arrivo di un corposo impulso di aria fredda nord atlantica sopra il mar Tirreno settentrionale con conseguente formazione di un minimo di bassa pressione sopra le regioni alpine. Tutto ciò, specie a metà maggio, in piena stagione di contrasti com’è la primavera, alimenta condizioni atmosferiche ideali per lo sviluppo di nubi, spesso cumuliformi, in grado di produrre rovesci e temporali sparsi. Quindi non veri e propri fronti perturbati, estesi e compatti in grado di portare ore ed ore di pioggia consecutive, ma un’instabilità atmosferica debole o moderata con precipitazioni soprattutto durante le ore centrali della giornata e nel pomeriggio, quando il sole o comunque le temperature più elevate favoriscono il riscaldamento ed il sollevamento di masse d’aria umida con formazione di cumulonembi e precipitazioni anche forti, sia sotto forma di pioggia che di grandine.
Quest’area di bassa pressione a partire da domani mercoledì 16 maggio tenderà a muoversi verso nord est fino a portarsi sopra i paesi Baltici nella giornata di giovedì 17 maggio, ciò favorirà un temporaneo rialzo della pressione atmosferica soprattutto tra venerdì 18 e sabato 19 maggio quando assisteremo ad un significativo calo dell’instabilità atmosferica tanto che rovesci e temporali pomeridiani diverranno piuttosto isolati e concentrati prevalentemente in Appennino o sui rilievi montuosi delle regioni tirreniche centro meridionali. Anche le temperature risaliranno, in parte per il maggior soleggiamento poi anche per l’allontanamento del nucleo di aria fredda nord atlantica attualmente presente sopra l’Italia.
Sull’Umbria nelle prossime ore sono attese molte nubi e piogge sparse, spesso a carattere di rovescio ed in qualche caso anche temporali, temperature basse, inferiori alle medie del periodo, addirittura sui monti Sibillini potrebbe nevicare fin sui 1700 metri di quota. Miglioramento in serata con schiarite e rasserenamenti. Le giornate di domani mercoledì 16 e dopodomani giovedì 17 maggio inizieranno con poche nubi e sole, al massimo qualche nebbia a limitare il soleggiamento, poi però già nel corso della mattinata nubi in aumento con rovesci sparsi e locali temporali tra la tarda mattinata ed il pomeriggio, migliora in serata. Temperature in moderato aumento, venti deboli sud occidentali con qualche locale rinforzo. Venerdì 18 e sabato 19 maggio sarà invece il sole a prevalere sulle nubi, anche se nel pomeriggio saranno comunque da mettere in conto isolati rovesci o temporali, quasi esclusivamente in Appennino e nel sud della regione. Temperature in aumento fin su valori gradevoli, poco superiori alle medie del periodo, venti deboli orientali.
Nella giornata di domenica 20 maggio poi, un nuovo impulso di aria fresca ed instabile nord atlantica scenderà sulla Francia per poi dirigersi verso i mari occidentali italiani dando inizio, probabilmente, ad una nuova fase caratterizzata da instabilità atmosferica debole o moderata su gran parte delle regioni italiane, ancora però non è possibile definirne la durata, forse anche pochi giorni.
La grafica qui a fianco mostra la circolazione atmosferica a livello del mare (linee bianche) ed in quota (fasce colorate), attualmente prevista sull’Italia per il primo pomeriggio odierno.

[ARCHIVIO NEWS]

 

EDITORIALE
 
01/05/2018
 
NEWS
 
ANCORA 48/60 ORE CON ROVESCI E TEMPORALI POI UN FINE SETTIMANA CALDO E SOLEGGIATO
22/05 [ore 9.99 ]
FINE SETTIMANA CON PREVALENZA DI SOLE, SCARSO RISCHIO ROVESCI E TEMPERATURE IN AUMENTO
18/05 [ore 9.99 ]
PIOGGE, ROVESCI E TEMPORALI FINO A GIOVEDI’ 17 MAGGIO, POI TEMPORANEO MIGLIORAMENTO CON RIALZO TERMICO
15/05 [ore 9.99 ]
 
UmbriaMeteo® - p. iva 02824210542 | Copyright 2000-2011