Home | Chi Siamo | http://www.umbriameteo.com/index.php/taking-notes-and-summarizing/ | http://www.umbriameteo.com/index.php/called-to-holiness/ | gender roles in literature
  Webcam Marketing | Servizi | Bollettino Meteo | Editoriale | News | Partner | Contatti

NEWS

Probabile prima neve a Castelluccio, scarse precipitazioni sul resto dell’Umbria ma deciso calo termico

(del 20/10/2018)

Oggi sabato 20 ottobre ancora una giornata calda con temperature sopra le medie del periodo grazie all’espansione sull’Italia dell’anticiclone nord atlantico supportato in quota da un promontorio anticiclonico subtropicale afro mediterraneo. In pratica avremo un po’ su tutta l’Italia cielo sereno o poco nuvoloso con venti deboli o moderati nord orientali, questi ultimi quando c’è freddo sull’Europa orientale portano un calo delle temperature ma attualmente di freddo non se ne vede se non un po’ in Scandinavia, addirittura in alcune aree producono anche un debole o moderato effetto foehn, grazie all’Appennino, che tende a riscaldare ulteriormente l’aria. Ieri venerdì 19 ottobre nei principali centri urbani umbri sono state registrate temperature comprese tra 23°C e 26°C, oggi ci andremo ancora vicini
Tale situazione comunque è destinata a cambiare presto ed anche in maniera radicale, a causa di un nucleo di aria fredda artica scandinava che, sfruttando il fianco orientale dell’anticiclone nord atlantico, scenderà attraverso la Polonia fin sull’Ungheria, la Croazia fino a raggiungere il mar Adriatico centrale nella serata di domani domenica 21 ottobre per poi stabilirsi temporaneamente sopra il basso mar Tirreno dove darà luogo ad un sistema depressionario centrato sopra le regioni meridionali italiane. A partire dal pomeriggio di domani domenica 21 ottobre assisteremo quindi ad un peggioramento atmosferico che coinvolgerà entro lunedì 22 ottobre soprattutto le regioni centrali adriatiche e quelle meridionali con molte nubi e precipitazioni frequenti. Nubi in aumento anche sul reso del centro, Emilia Romagna e Triveneto ma scarse precipitazioni, prevalenza di sole sul resto del nord Italia. Martedì 23 ottobre il sistema depressionario si sposterà sul mar Ionio per poi allontanarsi ad oriente favorendo un miglioramento atmosferico a partire dal centro nord Italia dove il cielo tenderà a tornare sereno o poco nuvoloso quasi ovunque.
Sull’Umbria cielo sereno o poco nuvoloso fino alla prima mattinata di domani domenica 21 ottobre poi nuvolosità in aumento con possibili isolate piogge in Appennino tra il pomeriggio e la prima serata Assisteremo poi ad un temporaneo miglioramento seguito da un nuovo peggioramento da est nel corso della notte, dovuto all’afflusso di aria più fredda che si caricherà di umidità durante il suo passaggio sopra la superficie del mar Adriatico. Le nubi più intense e le precipitazioni interesseranno quasi soprattutto l’Appennino ma sarà possibile qualche piovasco o rovescio anche più ad ovest. Durante la prima mattinata di lunedì 22 ottobre potremo assistere alle prime nevicate con imbiancata nell’area di Castelluccio di Norcia, attualmente la quota neve è stimabile intorno ai 1200/1400 metri di quota. Dal pomeriggio di lunedì 22 ottobre progressivo miglioramento atmosferico con rialzo della quota neve ma soprattutto schiarite in avanzamento da nord ovest seguite da qualche rasserenamento. Martedì 23 ottobre tornerà il sole su tutta l’Umbria ma ancora tramontana e temperature, seppur in lieve rialzo, sotto le medie del periodo.
Tra mercoledì 23 e venerdì 25 ottobre pressione atmosferica in aumento grazie ad una nuova espansione sull’Italia dell’anticiclone atlantico. Le temperature subiranno un repentino, corposo ma temporaneo rialzo in tutto il centro nord Italia, non per correnti meridionali ma paradossalmente a causa d’intense correnti settentrionali che impattando sui versanti nord delle Alpi daranno vita ad un notevole effetto foehn sui versanti alpini meridionali con riscaldamento dell’aria per compressione che avrà effetto non solo sulle regioni settentrionali ma in maniera lievemente attenuata anche su Toscana, Umbria e Marche. Sarà comunque il preludio di un nuovo peggioramento atmosferico atteso sull’Italia a partire da sabato 27 ottobre quando una vasta ed intensa area depressionari artica, estesa dall’Inghilterra alla Russia occidentale, piloterà verso il mar Mediterraneo correnti notevolmente fredde. In base a quale traiettoria seguiranno potremo avere sulla nostra penisola una fase notevolmente fredda (con traiettoria più orientaleggiante) o più piovosa (se molta dell’aria fredda scenderà ad ovest dell’Italia).
La grafica qui a fianco mostra la circolazione atmosferica (linee bianche) e le temperature (fasce colorate) in quota (5500/5700 m s.l.m.), attualmente prevista sull’Italia per la prima mattinata di lunedì 22 ottobre.

[ARCHIVIO NEWS]

 

EDITORIALE
 
03/11/2018
 
NEWS
 
CORRENTI FREDDE SETTENTRIONALI UN PO’ PIU’ DURATURE E POSSIBILITA’ PER FIOCCHI DI NEVE FINO A QUOTE BASSE
11/12 [ore 9.99 ]
TEMPERATURE IN CALO MODERATO, SECONDA META’ DELLA SETTIMANA ANCORA CORRENTI ATLANTICHE, MOLTE NUBI E PIOGGE
10/12 [ore 9.99 ]
FINE SETTIMANA CORRENTI OCCIDENTALI, ALTERNANZA DI SOLE E NUBI, DA LUNEDì CORRENTI SETTENTRIONALI MA POCO FREDDO
07/12 [ore 9.99 ]
 
UmbriaMeteo® - p. iva 02824210542 | Copyright 2000-2011