Home | Chi Siamo | wk 602 - employee law and labor relations | discussion board rubric derived from berg sl 2005 | decision - making based on business intelligence
  Webcam Marketing | Servizi | Bollettino Meteo | Editoriale | News | Partner | Contatti

NEWS

Lunga fase piovosa autunnale, venti forti meridionali e rischio fenomeni intensi.

(del 26/10/2018)

Negli ultimi 50 giorni i piccoli sistemi depressionari transitati sul bacino centro occidentale del mar Mediterraneo hanno causato una serie di eventi alluvionali sulle regioni meridionali italiane, su Sicilia e Sardegna, ma soprattutto su Spagna e Francia dove con decine di vittime. Il sistema depressionario atteso in approfondimento tra domenica 28 e lunedì 27 ottobre poco ad ovest dell’Italia, sarà più intenso ed esteso, inoltre potrà ancora contare su una superficie marina mediterranea più calda della norma quindi capace di fornire una gran quantità di energia sotto forma di calore ed umidità. Sarà assolutamente necessario monitorare con attenzione l’evoluzione atmosferica attesa per i prossimi giorni, ancora i modelli non riescono ad inquadrare in maniera definitiva il posizionamento, la forma e la traiettoria del centro depressionario, i dettagli faranno la differenza per capire dove, anche a distanza di poche decine di chilometri, i fenomeni più intensi colpiranno.
Attualmente la dinamica più probabile, secondo noi, sarà questa che esporremo nel resto dell’articolo. In queste ore l’anticiclone nord atlantico tende a ritirarsi ad occidente e contemporaneamente ad espandersi verso nord fin sulla Groenlandia mentre una vasta area depressionaria centrata sulla Scandinavia orientale, sfruttando il fianco orientale dell’anticiclone, sta pilotando un esteso ed intenso fronte freddo nord atlantico fin sul bacino centro occidentale del mar Mediterraneo. Sull’Italia quindi, la pressione atmosferica è in calo a causa dell’avvicinamento del fronte freddo nord atlantico che, inoltre, determina l’attivazione di correnti miti e soprattutto più umide sud occidentali con conseguente nuvolosità in aumento e qualche locale pioggia al nord e centro tirrenico. Sabato 27 ottobre il fronte freddo nord atlantico raggiungerà l’Italia portando molte nubi e piogge sparse ma soprattutto sarà seguito da aria fredda artica che, a contatto con l’aria molto più calda ed umida mediterranea, nella giornata domenica 28 ottobre favorirà l’approfondimento di un intenso centro depressionario tra le isole Baleari e le regioni nord occidentali italiane. Tra domenica 28 e lunedì 29 ottobre il centro depressionario si approfondirà ulteriormente portandosi dalla Corsica alla Liguria dove toccherà un minimo di pressione probabilmente poco sotto i 980 mb. Assisteremo quindi ad un ulteriore, deciso peggioramento atmosferico su tutto il territorio italiano con precipitazioni che localmente potrebbero risultare molto abbondanti, spesso a carattere di rovescio o temporale. Tra martedì 30 e mercoledì 31 ottobre il centro depressionario si allontanerà verso nord est ma l’Italia resterà sempre interessata da un flusso di correnti umide, più fresche e meno instabili sud occidentali con nubi e piogge sparse soprattutto sul nord Italia e sulle regioni tirreniche. Probabile nuovo impulso perturbato tra mercoledì 31 ottobre e giovedì 1° novembre ma ne parleremo più avanti. Temperature in lento calo fino a domenica 28 ottobre poi il calo si farà più marcato, venti meridionali, da moderati a forti nel fine settimana.
Sull’Umbria molte nubi nelle prossime ore con qualche locale pioggia, più probabile sull’Umbria settentrionale ed occidentale. Domani sabato 27 ottobre temporaneo miglioramento tar la mattinata ed il pomeriggio con qualche schiarita anche ampia, in serata nubi di nuovo in aumento con piogge sparse. Domenica 28 ottobre giornata con instabilità atmosferica debole o moderata, qualche schiarita alternata ad annuvolamenti anche intensi in grado di scaricare rovesci, anche prolungati e temporaleschi. Lunedì 29 ottobre la giornata probabilmente peggiore con cielo coperto e piogge fin dal mattino, è attesa la formazione di ampi ammassi nuvolosi temporaleschi sul medio mar Tirreno in risalita verso Toscana, Lazio ed Umbria. Dove colpiranno i nuclei più intensi potranno cadere anche 100/150 mm di pioggia in poche ore con facilmente prevedibili problemi idrogeologici. Martedì 30 e mercoledì 31 ottobre ancora molte nubi ma piogge intermittenti, anche a carattere di rovescio, ma non dovrebbero avere lunga durata. Temperature in calo soprattutto da martedì 30 ottobre. Venti moderati o forti meridionali. Da oggi fino a mercoledì 31 ottobre sul territorio umbro sono stimati cadere tra i 50 ed i 100 mm di pioggia con punte, localmente, anche di 150 mm.
Ulteriori aggiornamenti e dettagli nei prossimi articoli e nelle nostre pagine social.
La grafica qui a fianco mostra la circolazione atmosferica in quota ( circa 5700 m slm), attualmente prevista sull’Italia per il primo pomeriggio di domenica 21 ottobre.

[ARCHIVIO NEWS]

 

EDITORIALE
 
03/11/2018
 
NEWS
 
CORRENTI FREDDE SETTENTRIONALI UN PO’ PIU’ DURATURE E POSSIBILITA’ PER FIOCCHI DI NEVE FINO A QUOTE BASSE
11/12 [ore 9.99 ]
TEMPERATURE IN CALO MODERATO, SECONDA META’ DELLA SETTIMANA ANCORA CORRENTI ATLANTICHE, MOLTE NUBI E PIOGGE
10/12 [ore 9.99 ]
FINE SETTIMANA CORRENTI OCCIDENTALI, ALTERNANZA DI SOLE E NUBI, DA LUNEDì CORRENTI SETTENTRIONALI MA POCO FREDDO
07/12 [ore 9.99 ]
 
UmbriaMeteo® - p. iva 02824210542 | Copyright 2000-2011