Home | Chi Siamo | servant leadership and diverse context | http://www.umbriameteo.com/index.php/application-of-cross-cultural-psychology/ | http://www.umbriameteo.com/index.php/responsibility-and-financial-controls/
  paragraph vs an essay | Servizi | Bollettino Meteo | Editoriale | News | Partner | Contatti

NEWS

Ancora tanta pioggia in arrivo, anche più di quella caduta finora

(del 31/10/2018)

La lunga fase piovosa annunciata la scorsa settimana nei nostri articoli sta mantenendo appieno le promesse, tanta pioggia caduta sull’Umbria tra domenica 28 e lunedì 29 ottobre con punte superiori a 135 mm nel sud della regione, in sole 60 ore il 50% in più di tutta la pioggia che dovrebbe cadere nell’intero mese di ottobre, già di per se molto piovoso. A questa pioggia già caduta dovremo aggiungerne altrettanta, ed in alcuni casi anche di più, tra domani giovedì 1° e venerdì 2 novembre per l’arrivo da ovest di un nuovo intenso sistema depressionario di origine atlantica. Le cause di queste piogge abbondanti, ma anche dei venti che sulla nostra regione e non solo, hanno prodotto più danni della pioggia, sono chiaramente individuabili nello schema barico che caratterizza attualmente lo scenario meteorologico euro atlantico mediterraneo. In poche parole abbiamo intensi sistemi depressionari, alimentati da aria fredda nord atlantica, che tendono ad approfondirsi sopra il bacino centro occidentale del mar Mediterraneo grazie alle calde acque superficiali del nostro mare, ma che quando tendono ad avanzare verso occidente trovano la strada letteralmente sbarrata da un robusto anticiclone stazionante sopra l’Europa orientale. E questo sbarramento essendo all’altezza delle regioni adriatiche, permette di scaricare grandi quantità di precipitazioni sull’Italia che si trova poco più ad ovest, investita da intense correnti miti, umide ed instabili meridionali.
Questo schema si ripeterà anche nelle prossime ore quando l’avvicinamento da ovest di un vasto sistema depressionario di origine atlantica causerà un nuovo peggioramento atmosferico caratterizzato dall’intensificazione, prima soprattutto al centro nord poi anche al sud, di correnti meridionali instabili o perturbate, con formazione di molte nubi e piogge frequenti, anche abbondanti e spesso a carattere di rovescio o temporale, prima al nord ovest e Sardegna, poi nella giornata di domani giovedì 1° novembre su tutta l’Italia. Venerdì 2 novembre il sistema depressionario, bloccato nella sua avanzata verso oriente dall’anticiclone presente sull’Europa orientale, tenderà a dividersi in due parti, la prima sfilerà verso il nord Europa, la seconda formerà una circolazione depressionaria a se stante che si sposterà lentamente verso la Tunisia. Avremo quindi ancora correnti instabili o perturbate meridionali soprattutto al centro nord, con precipitazioni frequenti, più intense ed abbondanti sulle regioni centrali tirreniche, sulla Sardegna e sulla Sicilia occidentale, tendenza a miglioramento su Trivento e soprattutto gran parte del sud peninsulare. Sabato 3 novembre, con la circolazione depressionaria mediterranea centrata nei pressi della Sardegna, avremo molte nubi e piogge su gran parte del nord Italia, intense ed abbondanti su Sardegna e Sicilia, poco nuvoloso o nuvoloso sul centro sud peninsulare dove l’anticiclone tenterà una nuova avanzata verso occidente.
Sull’Umbria le prime piogge arriveranno da ovest nella tarda serata odierna e tenderanno subito ad intensificarsi, tant’è che tra la prossima mezzanotte e le 12 ore successive, potranno cadere dai 30 ai 70 mm con punte localmente anche superiori. I dati attuali ci fanno ipotizzare la formazione di uno o due più sistemi temporaleschi, piuttosto estesi ed intensi, nel tratto di costa tirrenica tra la zona di Civitavecchia e quella di Grosseto. Questi sistemi, seguendo le correnti sud occidentali presenti in quota, porteranno le loro forti ed abbondanti precipitazioni fino all’Umbria con quantitativi maggiori sui settori occidentali della nostra regione. Attualmente i modelli individuano il nucleo temporalesco principale nei pressi di Civitavecchia con precipitazioni più abbondanti nel sud ovest dell’Umbria, tar amerino ed orvietano, però “aggiustamenti” anche di 50 km verso nord o sud sono ancora possibili. Nel pomeriggio è poi atteso un generale miglioramento atmosferico a partire dal nord dell’Umbria. Le piogge torneranno ad intensificarsi a partire dalle prime ore di venerdì 2 novembre, con una seconda fase simile a quella appena descritta, ma probabilmente meno intensa, è attualmente attesa tra la mattinata ed il primo pomeriggio di venerdì 2 novembre, comunque sia andrebbe a sommarsi ad una situazione già sotto stress per terreni e corsi d’acqua. Più deciso miglioramento atmosferico sabato 3 novembre.
Ulteriori aggiornamenti e dettagli nei prossimi articoli e nelle nostre pagine social.
La grafica qui a fianco mostra la circolazione atmosferica a livello del mare (linee bianche) e quella in quota (fasce colorate), attualmente prevista sull’Italia per la mattina di giovedì 1° novembre.

[ARCHIVIO NEWS]

 

EDITORIALE
 
03/11/2018
 
NEWS
 
CORRENTI FREDDE SETTENTRIONALI UN PO’ PIU’ DURATURE E POSSIBILITA’ PER FIOCCHI DI NEVE FINO A QUOTE BASSE
11/12 [ore 9.99 ]
TEMPERATURE IN CALO MODERATO, SECONDA META’ DELLA SETTIMANA ANCORA CORRENTI ATLANTICHE, MOLTE NUBI E PIOGGE
10/12 [ore 9.99 ]
FINE SETTIMANA CORRENTI OCCIDENTALI, ALTERNANZA DI SOLE E NUBI, DA LUNEDì CORRENTI SETTENTRIONALI MA POCO FREDDO
07/12 [ore 9.99 ]
 
UmbriaMeteo® - p. iva 02824210542 | Copyright 2000-2011