Home | Chi Siamo | http://www.umbriameteo.com/index.php/nike-pricing-strategy/ | http://www.umbriameteo.com/index.php/structured-routine-versus-spontaneity/ | http://www.umbriameteo.com/index.php/the-acquisition-experiences-of-kazoil/
  Webcam Marketing | Servizi | Bollettino Meteo | Editoriale | News | Partner | Contatti

NEWS

Cielo sereno e stelle cadenti

(del 10/08/2004)

In questi giorni come ogni anno si ripetono le spettacolari nottate con numerose stelle cadenti. Tradizione vuole che la notte delle stelle cadenti sia la notte del 10 agosto, la notte di San Lorenzo, quest'anno però la notte in cui avremo la maggiore frequenza di stelle cadenti sarà quella tra l'11 ed il 12 agosto. Stavolta poi avremo molti fattori favorevoli, prima di tutto una quantità di meteore sopra la media, poi una luna in fase calante che poco disturberà con la sua luminosità, infine un cielo prevalentemente sereno dato che le nubi cumuliformi formatesi nel pomeriggio andranno dissolvendosi in serata. Gli orari più favorevoli saranno intorno le 23:00 dell'11 agosto e le 04:00 del 12. Unico fattore sfavorevole sarà l'umidità che potrebbe un po' offuscare la vista, basterà comunque salire un po' in collina per diminuire anche di molto quest'inconveniente. Ma cosa sono queste stelle cadenti? Per gli astronomi sono rigorosamente le Perseidi, cioè le meteore che sembrano provenire dalla costellazione di Perseo. Sono piccoli detriti, di dimensioni variabili da un granello di sabbia a un sassolino, che la cometa Swift-Tuttle, dal nome dei due astronomi che la scoprirono nella metà dell'800, si lascia dietro, lungo la sua orbita attorno al Sole.Una volta l'anno, verso il 10 agosto, la Terra ne incrocia l'orbita e, anche se la cometa è ben lontana, urta contro i suoi detriti che penetrano nell'atmosfera a velocità di decine di km al secondo, incendiandosi e diventando visibili come meteore. I detriti più piccoli generano meteore appena percettibili, quelli di medie dimensioni tracce ben visibili a occhio nudo, i sassolini più grandi danno vita a dei veri e propri bolidi. Raramente qualche frammento solido arriva al suolo sotto forma di meteorite. Il maggior numero di meteore si vede proprio quando la Terra attraversa la parte più densa dei detriti della cometa.

[ARCHIVIO NEWS]

 

EDITORIALE
 
12/02/2020
 
NEWS
 
SOLE DI PRIMAVERA FINO A LUNEDI’ 24 FEBBRAIO, PRIMA CON GELATE POI CON NEBBIA. DA MARTEDì 25 QUALCHE NOVITA’
20/02 [ore 9.99 ]
IL VORTICE POLARE CONTINUA A “GIRARE A MILLE” CON NESSUNA POSSIBILITA’ DI IRRUZIONI FREDDE SULL’ITALIA
17/02 [ore 9.99 ]
LA PUBBLICITA' CON UMBRIAMETEO E METEOAPPENNINO E' VANTAGGIOSISSIMA
14/02 [ore 9.99 ]
 
UmbriaMeteo® - p. iva 02824210542 | Copyright 2000-2011