Home | Chi Siamo | tecnology to enhance classroom learning | apa style research paper on depression | dissertation acknowledgements undergraduate
  end of life ethical issues | peter singer and abortion | Bollettino Meteo | Editoriale | News | Partner | Contatti

NEWS

Settimana all’insegna delle temperature ampiamente sopra media, precipitazioni scarse od assenti

(del 21/10/2019)

Non sappiamo se definire come anomalia o consuetudine l’attuale fase calda ed asciutta (in termini di precipitazioni) che sta vivendo l’Umbria da almeno due settimane. Se guardiamo i dati statistici degli ultimi trent’anni e li confrontiamo con le temperature che avremo durante la prima metà della settimana appena iniziata, possiamo senza dubbio dire che le temperature massime che registreremo saranno 6°C/7°C sopra media mentre il bilancio delle precipitazioni mensili in alcune aree potrebbe chiudere con ammanchi fino all’80% rispetto alla media di ottobre, quindi chiaramente lontani dalla normalità. Se andiamo però ad osservare i dati degli ultimi anni, di situazioni simili, caldo anomalo e mancanza di precipitazioni, durante la seconda metà di ottobre ne abbiamo viste molte. Ancora più in generale, riferendoci all’intero anno solare, anche nei casi in cui il bilancio pluviometrico è nella media, lo è grazie a eventi piovosi eccezionali che hanno scaricato in poco tempo molte decide di millimetri di pioggia. Naturalmente poi, queste anomalie termiche e pluviometriche, non sono dovute ad un unico schema barico, pur sempre come protagonista un anticiclone, può essere quello atlantico, quello afro mediterraneo od addirittura un anticiclone russo in espansione fin sul bacino centrale del mar Mediterraneo.
Scendendo ancor più nello specifico osserviamo che, paradossalmente, il confine tra piogge abbondanti e assenza di precipitazioni in questi giorni appare veramente ben definito, quindi quello che abbiamo detto per l’Umbria e che possiamo allargare ad un po’ tutto il centro Italia non possiamo ripeterlo anche per il nord Italia ed ancor più in specifico per il nord ovest, ad iniziare da Piemonte e Liguria.
Una vasta circolazione anticiclonica si estende dal bacino centrale del mar Mediterraneo alla Russia fino ai settori artico siberiani, questo vero e proprio muro alto pressorio impedisce alle perturbazioni atlantiche di avanzare verso oriente e garantisce ancora condizioni atmosferiche stabili e cielo sereno o poco nuvoloso soprattutto sulle regioni centro meridionali italiane. Il nord Italia invece, è interessato da correnti miti, umide ed instabili meridionali, legate ad un vasto sistema depressionario di origine atlantica posizionato sopra l’Europa occidentale. Queste correnti producono molte nubi con piogge sui settori alpini e prealpini e soprattutto al nord ovest dove possono risultare anche abbondanti, poche nubi sul resto d’Italia, presenti soprattutto sul centro tirrenico. Nelle prossime ore situazione pressoché stazionaria con qualche pioggia anche sull’alta Toscana, mentre martedì 22 ottobre il sistema depressionario tenderà ad arretrare verso occidente, migliora al nord con ancora qualche pioggia sulle regioni nord occidentali, nuvolosità irregolare sul resto del nord, sereno o poco nuvoloso al centro sud. Mercoledì 23 ottobre precipitazioni confinate sulle Alpi occidentali, poco nuvoloso o nuvoloso sul resto del nord con addensamenti e qualche piovasco tra alto Adriatico e pianura Padana orientale, poco nuvoloso o nuvoloso anche sulla Sardegna, sereno o poco nuvoloso al centro sud. Giovedì 24 ottobre il sistema depressionario avanzerà nuovamente verso l’Italia con piogge anche intense sulle regione nord occidentali e Sardegna, nubi in aumento anche sul resto del centro nord con piogge sparse su Lombardia occidentale, Emilia e Toscana, qualche piovasco possibile anche sull’alto Adriatico, Umbria e Lazio nord occidentali, sereno o poco nuvoloso al sud. Temperature in aumento. Venti deboli o moderati provenienti in prevalenza dai quadranti meridionali.
Sull’Umbria da oggi fino a mercoledì 23 ottobre sereno o poche nubi con temperature elevate, massime spesso comprese tra i 24°C ed i 28°C, con debole ventilazione meridionale o sud orientale. Giovedì 24 ottobre nubi in aumento con possibili isolati piovaschi sull’Umbria occidentale.
Tra giovedì 24 e venerdì 25 ottobre il braccio di ferro tra il sistema depressionario atlantico in avanzamento dal bacino centrale del mar mediterraneo verso l’Italia, sarà nuovamente vinto dall’anticiclone arroccato dall’Italia appenninica verso oriente, tant’è che il sistema depressionario s’indebolirà notevolmente e devierà la sua traiettoria verso sud posizionandosi tra Sardegna, Sicilia e Tunisia dove continuerà a produrre nubi e piogge meno intense. Sull’Italia peninsulare pressione atmosferica in aumento con correnti orientali più asciutte che garantiranno ancora sole e temperature sopra media, solo poco sotto a quelle attuali. Fino ad inizio novembre difficilmente torneremo alla “normalità” climatica sull’Umbria.
La grafica qui a fianco mostra la circolazione atmosferica a livello del mare (linee bianche) ed in quota (fasce colorate), attualmente prevista sui settori euro mediterranei per il primo pomeriggio di mercoledì 23 ottobre 2019.

[ARCHIVIO NEWS]

 

EDITORIALE
 
31/10/2019
 
NEWS
 
IN ARRIVO LA FASE PIU' PIOVOSA DI QUESTO NOVEMBRE, QUATTRO GIORNI DI PIOGGE, A TRATTI INTENSE CON QUALCHE PAUSA.
14/11 [ore 9.99 ]
SETTIMANA ANCORA ALL’INSEGNA DELLE PERTURBAZIONI MA C’è SPAZIO ANCHE PER QUALCHE SCHIARITA.
11/11 [ore 9.99 ]
ANCORA TANTA PIOGGIA NEI PROSSIMI GIORNI E NEL FINE SETTIMANA ANCHE NEVE IN APPENNINO
07/11 [ore 9.99 ]
 
UmbriaMeteo® - p. iva 02824210542 | Copyright 2000-2011