Home | Chi Siamo | http://www.umbriameteo.com/index.php/questions-in-financial-economics/ | http://www.umbriameteo.com/index.php/catholic-high-school-entrance-essasy/ | woman and gun control
  proffisional planning and leadership | legalizes medical marijuana | Bollettino Meteo | Editoriale | News | Partner | Contatti

NEWS

Fine settimana migliore di quanto finora ipotizzato, calo termico ma il freddo ancora lontano dall’Umbria.

(del 28/11/2019)

La veloce perturbazione nord atlantica transitata ieri mercoledì 27 novembre sull’Italia ha portato qualche buona pioggia anche sull’Umbria, con accumuli generalmente compresi tra i 5 ed i 20 millimetri, ed anche un lieve/moderato calo termico. Le temperature comunque si mantengono ancora su valori sopra le medie del periodo e non può essere diversamente con mari attorno all’Italia ancora caldi e correnti che da settimane provengono in prevalenza dai quadranti meridionali od occidentali. Uniche fasi un po’ più fresche sono quelle post frontali, con correnti nord orientali per 24/36 ore, ma è facilmente intuibile che non riescono a raffreddare l’aria in maniera consistente in così poco tempo. Nei prossimi giorni, o meglio durante la prima decade di dicembre poco o nulla sembra poter cambiare, attese ancora perturbazioni nord atlantiche con freddo che resterà ben a nord delle Alpi.
Dopo il transito della veloce perturbazione nord atlantica, menzionata ad inizio articolo, che ha prodotto molte nubi e precipitazioni frequenti soprattutto sulle regioni settentrionali e centrali tirreniche, l’Italia è ancora interessata da un vasto sistema depressionario attualmente centrato tra Olanda ed Inghilterra. Nelle prossime 48 ore il centro depressionario si muoverà lentamente verso nord est portandosi sopra la Scandinavia solo nel fine settimana, le regioni italiane saranno quindi ancora interessate da correnti sud occidentali debolmente instabili che produrranno nubi, addensamenti e qualche locale pioggia soprattutto sui settori tirrenici ed in maniera minore Alpi orientali, poche nubi sul resto d’Italia, specie sui settori adriatici e ionici, nebbie e banchi di nubi basse, anche persistenti, sulla pianura Padana. Sabato 30 novembre con l’allontanamento del centro depressionario sulla Scandinavia, assisteremo ad un moderato aumento della pressione atmosferica sull’Italia con cielo che tenderà a divenire in prevalenza sereno o poco nuvoloso su tutta l’Italia con nebbia al mattino nei fondovalle e zone pianeggianti del centro nord, dalla sera nubi in aumento al nord ovest e Sardegna per l’avvicinamento di un’intensa perturbazione nord atlantica che porterà ancora condizioni atmosferiche instabili o perturbate prima al nord poi al centro tra domenica 1° e lunedì 2 dicembre. Temperature in lieve calo. Venti deboli o moderati provenienti in prevalenza dai quadranti sud occidentali.
Sull’Umbria nuvoloso o molto nuvoloso nelle prossime 48 ore con qualche schiarite durante la notte ed addensamenti più frequenti tra la tarda mattinata ed il pomeriggio/sera quando saranno anche più probabili locali piogge, spesso a carattere di rovescio. Temperature senza variazioni di rilievo, 2°C/3°C superiori alle medie del periodo, venti deboli o moderati sud occidentali. Sabato 30 novembre nubi in deciso calo ma sole presente soprattutto tra la tarda mattinata ed il pomeriggio dato che al primo mattino nei fondovalle saranno presenti nebbie e banchi di nubi basse, temperature in lieve calo, massime in lieve aumento. Domenica 1° dicembre giornata che inizierà ancora con poche nubi e nebbie nei fondovalle, poi assisteremo ad un progressivo aumento delle nubi da nord ovest. Le nubi più intense dovrebbero comunque arrivare solo in serata accompagnate dalle prime piogge sull’Umbria occidentale, temperature senza variazioni di rilievo. Lunedì 2 dicembre giornata con molte nubi e molte piogge, miglioramento solo da martedì 3 dicembre, tarda mattinata se non pomeriggio, temperature in moderato calo. Neve che anche in Appennino difficilmente scenderà sotto i 1300/1500 metri di quota.
Dopo il miglioramento atmosferico atteso per martedì 3 dicembre, probabile pausa mercoledì 4 dicembre in attesa del possibile arrivo di una “nuova” perturbazione tra giovedì 5 e venerdì 6 novembre, in realtà è il sistema depressionario che ha interessato l’Italia tra il 1° ed il 2 dicembre che, dopo essere arretrato sulla Spagna e disceso fin sull’Algeria, risalirà verso nord est attraversando l’Italia prima di essere riassorbito dalla grande circolazione depressionaria nord atlantica presente sopra l’Europa centro settentrionale.
La grafica qui a fianco mostra la circolazione atmosferica a livello del mare (linee bianche) ed in quota (fasce colorate), attualmente prevista sui settori euro mediterranei per la serata di domenica 1° dicembre 2019.

[ARCHIVIO NEWS]

 

EDITORIALE
 
31/10/2019
 
NEWS
 
TRE PERTURBAZIONI IN VELOCE TRANSITO NEI PROSSIMI CINQUE GIORNI, DUE FREDDE ED UNA PIù CALDA, POSSIBILI SORPRESE
09/12 [ore 9.99 ]
FINE SETTIMANA CON CORRENTI UMIDE SUD OCCIDENTALI, ALTERNANZA TRA SOLE, NEBBIE, NUBI MA SENZA PRECIPITAZIONI
05/12 [ore 9.99 ]
SETTIMANA CHE INIZIA CON PIOGGE FREQUENTI POI PROSEGUE CON ALTERNANZA TRA SOLE E NUBI MA SCARSE PIOGGE
02/12 [ore 9.99 ]
 
UmbriaMeteo® - p. iva 02824210542 | Copyright 2000-2011