Home | Chi Siamo | portfolio entry for persuasion | http://www.umbriameteo.com/index.php/art-courses-and-quizes/ | health beanfits of drinking coffee
  http://www.umbriameteo.com/index.php/you-can-pick-one/ | cultural essentialism cultural anxiety | Bollettino Meteo | Editoriale | News | Partner | Contatti

NEWS

Molte nubi, qualche pioggia e calo termico fino al 22 dicembre poi clima sostanzialmente mite fino a Natale

(del 17/12/2019)

Esclusi i tre giorni chiaramente invernali della scorsa settimana, continua sull’Umbria ma un po’ su tutta l’Italia questa lunga fase mite, caratterizzata da sistemi depressionari nord atlantici piuttosto vivaci e capaci di raggiungere senza particolari difficoltà i settori euro mediterranei centrali con perturbazioni più o meno intense. E se le perturbazioni arrivano da occidente, i venti prevalenti provengono da sud o da ovest, sicuramente non freddi, specie in autunno quando la superficie del bacino del mar Mediterraneo mantiene temperature elevate, negli ultimi decenni con il riscaldamento globale spesso superiori alla norma. Per avere il freddo dovremo quindi attendere un cambio generale della circolazione atmosferica sullo scenario euro atlantico mediterranea, come minimo una maggiore presenza degli anticicloni nei pressi delle isole britanniche. Per ora però, almeno fino a Natale, questo cambio non s’intravede.
Attualmente una vasta ed intensa area depressionaria nord atlantica centrata tra Scozia e Lapponia interessa gran parte dell’Europa occidentale e centro settentrionale mentre sul bacino centrale del mar Mediterraneo la pressione atmosferica è in temporaneo aumento grazie ad una circolazione anticiclonica che si sta irrobustendo sui settori euro mediterranei orientali. Sull’Italia abbiamo per ora correnti con curvatura sostanzialmente anticiclonica, queste garantiscono condizioni atmosferiche prevalentemente stabili su gran parte del territorio italiano, i venti miti ed umidi meridionali favoriscono però la formazione di nuvolosità soprattutto al nord e settori tirrenici centro settentrionali ma senza precipitazioni significative, sereno o poche nubi sul resto d’Italia. Nelle prossime ore correnti meridionali in intensificazione per l’avvicinamento all’Italia, da ovest, di una vasta saccatura atlantica, ciò causerà un’intensificazione delle nubi su gran parte del nord dove avremo delle precipitazioni, specie al nord ovest, con neve oltre i 1800 metri di quota, situazione pressoché stazionaria sul resto d’Italia. Tra mercoledì 18 e giovedì 19 dicembre centro depressionario secondario in formazione sulle coste algerine ed in risalita sulla Sardegna con intensificazione delle nubi ed estensione delle precipitazioni, prima a Sardegna e Sicilia poi al resto della penisola, neve ancora a quote elevate, nuvolosità in aumento anche al sud. Venerdì 20 dicembre esaurimento del centro depressionario sardo, intensificazione delle correnti sud occidentali con formazione di un nuovo centro depressionario sopra il nord Italia, migliorerà al sud, s’intensificheranno per precipitazioni su Alpi, Appennino settentrionale e centro tirrenico. Durante il prossimo fine settimana il centro depressionario scivolerà verso sud est per poi allontanarsi sulla Grecia, sabato 21 migliora al nord, domenica 22 dicembre anche al centro sud. Temperature in lieve aumento nelle prossime ore poi in lento calo. Venti deboli o moderati provenienti in prevalenza dai quadranti meridionali, tendenti a rinforzare lungo le coste.
Sull’Umbria fino al pomeriggio di domani mercoledì 18 dicembre nuvolaglia generalmente poco consistente, al massimo qualche addensamento con pioviggine sul nord della regione. Successivamente, durante le ore notturne, nuvolosità in intensificazione da ovest con possibili isolati piovaschi o pioviggini. Tra la mattinata ed il primo pomeriggio di giovedì 19 dicembre ancora molte nubi con piogge sparse, poi migliora da ovest, temperature in lieve calo. Venerdì 20 dicembre giornata che inizia con nuvolosità irregolare ma poco consistente, nuova intensificazione delle nubi nel pomeriggio con piogge in arrivo da ovest, frequenti ma non molto abbondanti in serata e durante le ore notturne successive. Migliora durante la mattinata di sabato 21 dicembre, cessazione delle precipitazioni, nubi in calo ed ampie schiarite tra il pomeriggio e soprattutto la serata con temperature in ulteriore live calo. Domenica 22 dicembre con poche nubi ed un po’ di sole al mattino, nel pomeriggio nubi in temporaneo aumento con possibili locali, brevi piogge. Temperature in lieve aumento, venti deboli o moderati occidentali.
Tra lunedì 23 e mercoledì 25 dicembre probabile fase anticiclonica subtropicale con temperature in aumento soprattutto in collina e montagna, nebbie nelle valli e scarsa nuvolosità, possibile debole perturbazione tra Natale Santo Stefano con calo termico ma ne riparleremo nei prossimi aggiornamenti.
La grafica qui a fianco mostra la circolazione atmosferica a livello del mare (linee bianche) ed in quota (fasce colorate), attualmente prevista sui settori euro atlantico mediterranei per la notte tra venerdì 20 e sabato 21 dicembre 2019.

[ARCHIVIO NEWS]

 

EDITORIALE
 
13/01/2020
 
NEWS
 
SETTIMANA CON MOLTE NUBI E POCHE PIOGGE, DOMANI ATTENZIONE AL VENTO FORTE. RIALZO TERMICO DA SABATO.
27/01 [ore 9.99 ]
PRIMA DEBOLE PERTURBAZIONE NEL FINE SETTIMANA, PROBABILE SECONDA DEBOLE PERTURBAZIONE MARTEDI’ 28 GENNAIO
24/01 [ore 9.99 ]
SOLE FINO A VENERDI’ 24 GENNAIO POI NUOVA DEBOLE PERTURBAZIONE, TEMPERATURE IN TEMPORANEO, MODERATO AUMENTO.
21/01 [ore 9.99 ]
 
UmbriaMeteo® - p. iva 02824210542 | Copyright 2000-2011