Home | Chi Siamo | artwork analysis van dyc self portrait | problem solving and conflict management | proffisional planning and leadership
  Webcam Marketing | Servizi | Bollettino Meteo | Editoriale | News | Partner | Contatti

NEWS

Da stasera 4 giorni di freddo con neve fin sui fondovalle, precipitazioni consistenti in Appennino.

(del 22/03/2020)

Situazione atmosferica sull’Italia in rapida evoluzione, il sud è interessato da estesa nuvolosità legata ad un sistema depressionario in spostamento dalla Tunisia verso Creta mentre un corposo nucleo di aria fredda artica continentale sta iniziando ad interessare il nord est italiano, scivolando sul fianco meridionali di un robusto anticiclone esteso dalla Francia alla Russia. L’aria fredda è abbastanza asciutta e non sta producendo precipitazioni mentre l’aria più umida richiamata da oriente verso l’Italia dal sistema depressionario basso mediterraneo, sta producendo addensamenti più consistenti e locali piogge al sud, Sardegna centro meridionale e Lazio. Sull’Umbria nuvoloso o molto nuvoloso con fasi anche soleggiate nella giornata odierna, precipitazioni praticamente assenti.
Nelle prossime ore comunque l’aria fredda affluirà sulla penisola in maniera più incisiva ed inizierà a caricarsi di un po’ d’umidità scivolando sopra la superficie del mar Adriatico, si produrranno nubi sia per effetto stau che per ASE (Adriatic Snow Effect). Le precipitazioni saranno scarse nella giornata di domani lunedì 23 febbraio, concentrate in appennino e prevalentemente sui versanti adriatici, nevose fin sui fondovalle, al sud migliorerà con residue precipitazioni tra Calabria e Sicilia. Nella giornata di martedì 24 marzo avremo il picco del freddo con nucleo di aria fredda sopra l’Italia a tutte le quote, la produzione di nubi sulle regioni adriatiche aumenterà e le precipitazioni s’intensificheranno lungo l’Appennino, nevose fin sui fondovalle. In qualche caso le nubi prodotte dallo stau potranno spingersi anche un po’ più ad ovest sulle zone interne dell’Italia appenninica, versanti tirrenici. Instabilità atmosferica in aumento anche al sud, a partire dalla Sicilia, per un flusso di aria umida proveniente da ovest, nevicate a quote medio basse. Al nord ovest prevarrà il sole, al nord est nubi ma scarse precipitazioni. Regioni tirreniche nuvolosità irregolare. Tra mercoledì 25 e giovedì 26 marzo poi, un sistema depressionario proveniente dall’Algeria porterà il proprio centro prima sulla Sicilia poi sul basso mar Tirreno, aumenterà quindi sensibilmente il contributo di aria più mite ed umida un po’ su tutta l’Italia ma mentre al sud avremo precipitazioni frequenti, localmente abbondanti e con quota neve in risalita fin sopra i 1000/1200 metri, sulle regioni adriatiche centro settentrionali e lungo l’Appennino fin sul Triveneto, le precipitazioni resteranno nevose fino a quote basse, abbondanti su Abruzzo, Molise e Marche. Sulle regioni tirreniche nubi in aumento e precipitazioni sparse, anche qui quote neve piuttosto basse, seppur in rialzo. Un miglioramento è atteso tra venerdì 27 e sabato 28 marzo, specie al centro nord, parziale al sud, con temperature ovunque in rialzo.
Sull’Umbria domani lunedì 23 marzo nuvolosità concentrata prevalentemente in Appennino con qualche isolata nevicata fino a quote basse, poco nuvoloso o nuvoloso sul resto dell’Umbria. Il freddo si farà sentire sia per il calo termico che per i venti da moderati a forti da nord est. Tra martedì 24 e mercoledì 25 marzo intensificazione delle nubi e delle precipitazioni in Appennino, nuvolosità in aumento anche più ad ovest con possibili isolate, brevi sfiocchettate, quote sempre molto basse, in pratica fondovalle, venti moderati o forti nord orientali con temperature che dovrebbero raggiungere i valori più bassi, almeno per quanto riguarda le massime. Giovedì 26 marzo ulteriore intensificazione delle precipitazioni in Appennino con ancora qualche locale nevicata possibile anche più ad ovest ma nulla di realmente consistente, non si esclude qualche locale imbiancata in mattinata ma sarà un qualcosa di veramente casuale. Dalla serata poi le temperature aumenteranno a partire dalle quote superiori, durante le ore notturne successive la neve dovrebbe portarsi sopra i 21400 di quota e le precipitazioni relegarsi in Appennino. Entro la serata di venerdì 27 marzo le precipitazioni cesseranno ovunque ed anche i venti si attenueranno. Riassumendo, l’unica area che quasi sicuramente potrà assistere ad un’imbiancata è quelle dell’eugubino gualdese, più soggetta a nevicate da stau, in seconda fila, meno probabile quindi, Altotevere, Valnerina e poi folignate.
Ulteriori aggiornamenti, real time, nelle prossime ore sulle nostre pagine social, Facebook e Twitter..
La grafica qui a fianco mostra la circolazione atmosferica a livello del mare (linee bianche) ed in quota (fasce colorate), attualmente prevista sui settori euro atlantico mediterranei per il tardo pomeriggio di domani lunedì 23 marzo 2020.

[ARCHIVIO NEWS]

 

EDITORIALE
 
29/03/2020
 
NEWS
 
SOLE, TRAMONTANA IN CALO E TEMPERATURE IN AUMENTO FINO A PASQUA, NUBI POMERIDIANE DA SABATO 11 APRILE
07/04 [ore 9.99 ]
SOLE FINO A PASQUA CON TEMPERATURE IN PROGRESSIVO AUMENTO, TRAMONTANA IN LENTO CALO.
02/04 [ore 9.99 ]
VELOCE FASE FREDDA CON NEVE A BASSA QUOTA SOPRATTUTTO IN APPENNINO, GELATE A METà SETTIMANA POI SOLE E RIALZO TERMICO
30/03 [ore 9.99 ]
 
UmbriaMeteo® - p. iva 02824210542 | Copyright 2000-2011