Home | Chi Siamo | in need of improvement | http://www.umbriameteo.com/index.php/sports-marketing-term-papers/ | state terrorism disscussion question
  Webcam Marketing | Servizi | Bollettino Meteo | Editoriale | News | Partner | Contatti

NEWS

Veloce fase fredda con neve a bassa quota soprattutto in Appennino, gelate a metà settimana poi sole e rialzo termico

(del 30/03/2020)

Durante l’ultimo fine settimana un anticiclone è andato notevolmente irrobustendosi sopra l’oceano nord atlantico con massimi di pressione poco ad ovest dell’Inghilterra, ciò determina, oltre al blocco del flusso di correnti miti ed umide occidentali verso l’Europa, l’attivazione di un flusso di correnti fredde artiche dalle latitudini polari scandinave fin nel cuore dell’Europa. L’aria fredda artica, preceduta da un fronte freddo scandinavo che durante la scorsa notte ha raggiunto le Alpi, arrivando a contatto con l’aria più mite ed umida mediterranea sta favorendo la formazione di un nuovo centro depressionario sopra l’Italia con nubi e precipitazioni sparse che nelle prossime ore dalle regioni settentrionali si estenderanno alle regioni centrali, neve inizialmente a quote medio basse ma in calo. Domani martedì 31 marzo il centro depressionario italico si sposterà velocemente verso sud est con attivazione di correnti più fredde ma progressivamente più asciutte nord orientali sull’Italia, ciò favorirà un generale miglioramento atmosferico a partire dal nord Italia in estensione al centro mercoledì 1° aprile quando il minimo di bassa pressione si sposterà sopra la Grecia. Giovedì 2 aprile primo moderato aumento della pressione atmosferica sull’Italia con miglioramento atmosferico anche sul sud peninsulare, ancora nubi e qualche locale pioggia su Sardegna e Sicilia marginalmente interessate da un’area di bassa Pressione stazionante sul bacino occidentale del mar Mediterraneo. Temperature in calo, specie tra martedì 31 marzo e mercoledì 1° aprile. Venti deboli o provenienti inizialmente dai quadranti meridionali od orientali poi nord orientali, in temporanea intensificazione.
Sull’Umbria nelle prossime ore assisteremo allo sviluppo di nuvolosità spesso cumuliforme, in particolare sui settori occidentali e meridionali della regione dove avremo qualche rovescio anche temporalesco, poche precipitazioni sul resto dell’Umbria. Dalla serata odierna, con l’ingresso più deciso delle correnti fredde nord orientali, nubi e locali precipitazioni tenderanno a concentrarsi lungo l’Appennino, nevose inizialmente oltre i 1200 metri ma in calo fin sui 500/700 metri durante la prossima notte ad iniziare dal nord della regione. Domani martedì 31 marzo molte nubi con residue, locali precipitazioni al mattino lungo l’appennino e sul sud dalla regioni, quota neve variabile dai 500 metri dell’alto Appennino umbro marchigiano agli 800 metri del ternano. Dalla tarda mattinata prime schiarite nel nord dell’Umbria che nel pomeriggio si estenderanno a gran parte della regione, soprattutto i settori centro occidentali, tendenza a cessazione delle precipitazioni in appennino. In serata ampi rasserenamenti in avanzamento da nord ovest. Temperature in calo, venti moderati nord orientali in attenuazione da domani pomeriggio/sera. La giornata di mercoledì 1° aprile inizierà con cielo sereno o poco nuvoloso con probabili gelate nelle conche più al riparo dai venti, giornata che proseguirà poi soleggiata con temperature massime in aumento e venti deboli o moderati nord orientali che probabilmente si attenueranno del tutto in serata. Giovedì 2 aprile altra giornata con cielo sereno o poco nuvoloso e sole ma al mattino le gelate potranno essere estese, in alcune conche con temperature anche abbondantemente sotto gli 0°C. Venti deboli settentrionali, temperature minime in calo e massime in ulteriore aumento.
Tra venerdì 3 e sabato 4 aprile una debole perturbazione sfiorerà Sardegna e Sicilia, gli effetti sull’Umbria saranno pressoché nulli, al massimo qualche nube pomeridiana in più ed una lieve intensificazione dei venti. Venerdì mattina 3 aprile sarà ancora possibile qualche locale gelata poi nel fine settimana anche le temperature minime, oltre alle massime aumenteranno. Domenica 5 aprile, come anticipato nel nostro ultimo editoriale, l’alta pressione sarà ben salda sopra l’Italia e le temperature inizieranno a raggiungere in 20°C in molti centri urbani umbri, la fase anticiclonica potrebbe durare fino a Pasqua con temperature in ulteriore aumento.
La grafica qui a fianco mostra la circolazione atmosferica a livello del mare (linee bianche) ed in quota (fasce colorate), attualmente prevista sui settori euro atlantico mediterranei per il pomeriggio di domenica 5 aprile 2020.

[ARCHIVIO NEWS]

 

EDITORIALE
 
01/06/2020
 
NEWS
 
PROSSIMA SETTIMANA TUTTA ALL’INSEGNA DEI ROVESCI E DEI TEMPORALI, ANCHE FORTI, POI FORSE TORNANO SOLE E CALDO
06/06 [ore 9.99 ]
DUE INTENSE PERTURBAZIONI NORD ATLANTICHE IN ARRIVO SULL’ITALIA NEI PROSSIMI 6 GIORNI
03/06 [ore 9.99 ]
FINE SETTIMANA CON MOLTE NUBI E PIOGGE MA LA GIORNATA PIU' BAGNATA SARA' QUELLA ODIERNA.
29/05 [ore 9.99 ]
 
UmbriaMeteo® - p. iva 02824210542 | Copyright 2000-2011